"Gentile redazione.....beh non siam mica partiti male!?.. finalmente è iniziata la stagione ed ecco il tonfo, nuova Inter vecchia Inter, atavico atteggiamento amatoriale nell' affrontare le partite. Ok che si possa perdere giocando male, ma l'atteggiamento di ieri sera non è accettabile, la Juve ha fatto fatica, ha giocato male ma ci ha messo anima e cuore, ciò che non abbiamo nel DNA come loro, non a caso migliore in campo Asamoah per l'atteggiamento, peccato per lui che era abituato bene alla Juve, il contatto in area a righe bianconere sarebbe stato rigore, qui si accorgerà della netta differenza di trattamento, ma al netto di tutte le variabili scusanti, condizione, episodi, VAR, brutto campo ecc ecc, NON PUOI PERDERE COL SASSUOLO CA--O!!!! Spalletti ha le sue colpe e non volevo dirlo perchè mi fidavo ma sta perdendo colpi e credibilità, eravamo riusciti a liberarci di Santon ed ecco apparire l'incubo Dalbert, minimo 200 spettatori a caso a Reggio Emilia avrebbero fatto meglio. Il mister ha voluto rimanere in Italia per preparare meglio la stagione evitando la massacrante tournee all'estero, ma erano in condizioni disastrose...boh? Ammetto che anche se è presto per giudicare, ho la sensazione che faremo più fatica del previsto, troppa euforia post mercato e atteggiamento supponente, quasi arrogante, vedremo, ciao a tutti".

Andrea

 

"È' chiaro, si sono resi conto che continuando a seguire gli ottimi interventi del "VAR" dell'anno passato, dove tutti potevano vedere, e per tutti intendo proprio tutti gli interessati agli eventi calcistici, il "loro potere" ne sarebbe risultato depotenziato ed allora ecco il "nuovo protocollo", che rimette le cose al "loro"desiderato posto. Sarebbe interessante sapere chi ha deciso tutto questo e con chi sono state condivise queste scelte, non posso credere che si siano spesi centinaia di migliaia di € per organizzare e mettere a punto tutta questa tecnologia a livello Europeo, per poi tornare alle "porcherie" degli anni passati. Cordiali saluti".

Gian Piero

 

"Non voglio fare processi anticipati anche se la delusione di domenica scorsa è grande, voglio solo fare un analisi di quello che mancava lo scorso anno e di quello che continua a mancare adesso. Si è sempre detto che avevamo necessità di centrocampisti in grado di fare da filtro per la difesa e nello stesso tempo di far ripartire l'azione. Si è preso Rafinha per tamponare questa situazione e le cose hanno cominciato, almeno in parte ad andare meglio. Ora Rafinha non c'è più e non è stato sostituito, mi chiedo se la mia incompetenza supera ogni limite o se questi che masticano calcio anche a colazione devono fare qualche corso di recupero. La domanda che faccio è questa siamo sicuri di aver fatto un mercato guardando prima di tutto le esigenze primarie della squadra? Non avendo riscattato Cancelo non vi sembra un'utopia volerlo sostituire con Dalbert? Questo dopo un anno di permanenza e di tentativi andati a vuoto ( a mio parere acquisto alla Pereira, Ausilio ne indovina 1 su 5 e un giorno la società se ne renderà conto). Non varrebbe la pena fare ancora un tentativo con Joao Mario provandolo in posizioni diverse da quelle fino ad ora provate? Questo anche tenendo presente quanto lo abbiamo pagato e soprattutto che non c'è la fila di richiedenti per venderlo a quel prezzo. Io spero che gli acquisti fatti siano azzeccati e spero che quelli già pronti diano il tempo a quelli non pronti di recupera in fretta. In ogni caso a centrocampo non è stato fatto quello che si doveva fare. Forse un tentativo di valorizzare almeno uno dei giovani si poteva fare. Emmers? amo questi colori".

Roberto

 

"Gent.ma Redazione, sebbene il campionato sia appena iniziato, la nostra Beneamata evidenzia gli stessi problemi emersi nella scorsa stagione, infatti manca di personalità e difetta di qualità nella mediana. L’altalenante e confusionario Brozovic ed il molle Vecino non sono in grado di costruire gioco né di lanciare il puntero Icardi. La dirigenza, anziché prima perdere tempo nella trattativa per il ribelle Vidal, di certo non utile alla causa nerazzurra, e poi inseguire invano Modric, avrebbe dovuto ovviare al problema con l’acquisto innanzitutto di un regista classico, come l’ottimo Torreira, che pure era alla portata sia per il costo contenuto che per la facilità e la riuscita nella negoziazione con la Sampdoria, società amica, o come il fantastico Rabiot, calciatore di comprovata esperienza internazionale nonostante la giovane età, dotato di tecnica sopraffina e di grande visione di gioco. A questo punto, è inevitabile ricorrere alla soluzione interna, con l’arretramento in mediana di Nainggolan in attesa del mercato di riparazione di gennaio, nel quale valutare e puntare su profili di giocatori in scadenza di contratto (Rabiot, Fabregas et similia). Inoltre, la proprietà deve farsi sentire, in primis entrando nel merito delle scelte del tecnico, che spesso sbaglia la formazione, mettendo giocatori fuori ruolo e puntando su quelli sbagliati (Dalbert!). Comunque, resto fiducioso e confido nella ripresa, a cominciare dalla gara contro il Torino, da vincere assolutamente! Amala!!!".

Michele

 

"Buongiorno, secondo me il caro Rizzoli, ci manderà quasi sempre arbitri contrari all'Inter, vedi ultimo. Per Rizzoli, gli errori arbitrali contro l'Inter, sono giusti, vedi partita con la Juventus del campionato corso e prima partita del campionato in corso. Vero anche che la squadra e l'allenatore vi hanno messo del loro, lasciando il centrocampo in balia del sassuolo. Mi chiedo, ma Gagliardini non poteva giocare al posto Dalbert. Grazie".

Luciano

 

Sezione: Visti da Voi / Data: Mar 21 Agosto 2018 alle 15:10 / articolo letto 9402 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit