"Salve Si dice che a pensar male si fa' peccato ma tante volte si azzecca. Ecco io a proposito del caso Icardi voglio pensar male ma spero di non azzeccare perche sarebbe veramente brutto, mi spiego: E' gia' tutto concordato ma non da adesso , ma gia' dall'arrivo dello sguercio a Milano e adesso completato con parrucchino:l'anno scorso la juve punta Mauro ma poi si apre la possibilita' di portare cr7 a torino e dall'altro lato l'inter non ci sente ( giustamente) a rinforzare una squadra da cui invece vorrebbe ( ma veramente?) ridurre il gap. La juve sicura di vincere tutto punta su cr7 ed abbandona la pista Icardi. Quest'anno avendo la juve vinto ( in Europa ) sta' ceppa di cazzo, vuole il capitano ( ex) neroazzurro calciatore da 25/28 gol solo in campionato, per incrementare la potenza di fuoco la' in avanti, ma non puo' piu' spendere cifre folli essendo gia' indebitata per 500 mil ( Platini, l'FPP per la tua juve non vale) .Ecco allora che ci pensa Marotta che apparecchia anche per il suo compare parrucchino:Monta questo can can con Wanda ( mentre vediamo che casi simili o peggiori sono trattati in modo diverso vedi lautaro , naingolan , perisic etc, al milan addirittura si sono menati a bordo campo) cosi ci si inventa questa incompatibilita' ambientale , si mette agli occhi dei tifosi ( quelli ciechi che pero' mi sembrano in tanti) in cattiva luce un ragazzo che e' stato sempre un modello di atleta, mai un gossip mai una pizzicata in discoteca, sempre il primo agli allenamenti e l'ultimo ad andare via, 126 gol non dimentichiamolo, in modo da deprezzarlo e farlo arrivare alla juve con il valore piu' che dimezzato. Ecco e' questo tutto l'ambaradan e i mangiariso che non hanno di certo a cuore L'Inter come ce l'abbiamo noi che con sacrifici la seguiamo, ma per loro e' solo affare, hanno abboccato. Ma crediamo davvero che con un Moratti presente vicino alla squadra , sarebbe successo tutto questo oppure da buon padre di famiglia avrebbe convocato una cena con tutti i f ratelli per appianare le cose. lontani mille miglia..... si dice anzi un proverbio ( che sono la filosofia dei poveri e non sbagliano mai) recita:" l'occhio del padrone ingrassa il cavallo...".

Saverio

 

"Leggo con enorme piacere che da domani torna a casa "finalmente e che caxxo...concedetemelo" il signor Oriali Lele dopo due calci nei coglioni (pur non discutendone le abilità e capacità)come Marotta e Conte...un nome che mi rinfranca anche perchè non ne ho mai capito la passata estromissione Grazie Lele e grazie a voi come sempre per lo spazio concesso AMALA ...e goditela comunque vada".

Gianluca

 

"Gent.ma Redazione; Oggi sento il dovere di scrivere poche righe, poiche’ ci sono alcune cosec he non mi trova d’accordo con la societa’. Da molto tempo ho chiesto l’esonero di Spalletti, un tecnico strapagato e che ha ottenuto scarsi risultati con una rosa di giocatori ottimale . Nesun “titulo” e non basta il quarto posto a pari merito con l’Atalanta con l’ultima partita che per poco mi stave causando un’infarto. E’ arrivato Marotta , un manager di tutto rispetto e la cosa mi ha fatto tanto piacere. Poi e’ arrivato Conte per il quale attraverso questo sito ho caldeggiato il suo ingaggio, poiche’ lo ritengo un tecnico di valore che puo’ aiutare l’Inter a tornare ai vertici che merita, ma c’e’ una cosa che non riesco a metabolizzare, la gestione di Maurito Icardi. Io, come tanti tifosi, non sappiamo ancora cosa abbia fatto per meritarsi questo trattamento. Nessuno ci ha detto perche’ gli hanno tolto la fascia di capitano. Poi se ha combinato qualcosa di cosi grave perc he’ l’hanno fatto giocare le ultime partite ? Vero che le ha giocate male, ma si vedeva che era un ragazzo depresso. Spalletti ha fatto di tutto per svalutarlo, ma lo stesso Marotta e Conte seguono sulla stessa scia. I giornalisti di Icardi stanno scrivendo di piu’ e di meno, ma di Marotta e Conte mi aspettavo qualche smentita per difendere un capitale che l’Inter non si puo’ permettere di perdere. Tutti sanno che se un giocatore sotto contratto non vuole andare via, lo puo’ fare, perche’ queste sono le regole del calcio. Icardi per me rimane uno dei migliori attaccanti al mondo, ma se Conte non lo vuole, perche’ preferisce un’altro, mi puo’ stare anche bene, ma credo pero’ che Antonio farebbe bene a parlargli, vederlo all’opera e poi decidera’ sul suo future, che ricordiamoci che e’ sempre nelle sue mani. Di quello che fa o dice la moglie me ne frego, a me interessa che Icardi faccia il suo mestiere che e’ quello di fare gol, che ne ha gia’ fatti tan to nel campionato italiano, che per me e’ sempre il piu’ difficlle per gli attaccanti. Una cosa mi farebbe girare veramente le scatole, se in qualche modo potesse andare a giocare alla Juventus, ex squadra di Conte e Marotta, e la nostra “nemica” di sempre. Spero che la societa’ riflettesse un po’ di piu su questa faccenda. Poi perche’ non avere in rosa Lukako, tanto voluto da Conte, Martinez e Icardi, e poi laciare Conte decidere I due attaccanti nel suo 352 ? Grazie e Forza Inter Sempre".

Alfredo

 

"Gentile Redazione, mentre gli ossessionati dalle statistiche “dimensionali” staranno forse battagliando per determinare se sia più lungo il codino - pardon, lo chignon - di Rabiot o le treccine di Lazaro Valentino, entrambi nuovi pedatori al loro quasi contemporaneo sbarco su porti calcistici mai come adesso in competizione, mi piace immaginare che l’ex vate di Setubal, in arte Josè Mourinho - nonostante il suo inconsueto status disoccupazionale o, forse, proprio a causa di questo - abbia trovato il tempo di “stigmatizzare” l’arrivo in nerazzurro del novello Prohaska (nel senso di identica nazionalità, ovviamente). Magari bofonchiando quella storica filastrocca - riveduta ed integrata - che a suo tempo avrebbe potuto rendere celebre l’ex Ad del Catania Pietro Lo Monaco: “Io conosco solo Rodolfo Valentino, Valentino Mazzola, pure Rossi Valentino e Dalila Di Lazzaro, anche la parabola di ‘Lazaro: alzati e cammina’, ma questo Valentino Lazaro proprio non so chi sia. E certo non p uò essere il nuovo Quaresma. L’unica cosa che mi avvicina a lui è la comune lingua portoghese, dato che mi hanno riferito che Valentino ha il padre angolano”. Quanto alla geografia europea (con annesse licenze ortografiche...), da appassionati nerazzurri ci si augura soltanto che il giocatore austriaco dia subito prova, sin dal ritiro elvetico, delle sue reali motivazioni ed aspirazioni professionali, aggiornando il famoso motto italico “All’erta sto” in “Ora sto all’Inter”: con buona pace degli (eventuali) umoristi berlinesi... E visto che quotidianamente gli aggiornamenti di calciomercato si susseguono spesso fuor di metafora - “Tanto tuonò che (non) piovve” (una delle più calzanti) - non ci sarebbe nulla di cui meravigliarsi se alla fine, nonostante le trattative si siano aperte ufficialmente solo da oggi (1/7), 3 attaccanti tanto vociferati negli ultimi mesi non si trasferissero da nessuna parte. Con Icardi che resterebbe all’Inter, Dzeko alla Roma e Higuain alla j*v*. Alla faccia di (famelici) procuratori e (incalliti) scommettitori. E’ il calciomercato, bellezza!".

Orlando

 

Sezione: Visti da Voi / Data: Lun 1 Luglio 2019 alle 20:52
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print