"Buonasera redazione anche questa sera grande delusione,squadra impaurita senza anima,Perisic è solo da cacciare insieme a Spslletti che ancora lo coccola,Eder un uomo in meno ,ma quando vedremo qualche nostro giovane inserito in questo contesto,è da qualche partita che ripeto non ci qualifichiamo nemmeno in europa league.Spalletti non regge più che dia le dimissioni,forse è meglio dare la squadra a Vecchi come ha fatto il Milan con Gattuso con dei buoni risultati.La società se ancora ne esiste dia uno scossone,ci stanno umiliando tutti,sanno che venire a Milano vuole dire fare punti ,non si riesce a creare gioco ,possibile che tutti sono dei brocchi?grazie e sempre più deluso buonasera".

Cosimo

 

"Scrivo subito dopo la partita col Crotone....DA NON CREDERE ....Non siamo riusciti a vincere in casa con i calabresi....ormai siamo alla deriva ,giochiamo sempre allo stesso modo ...lenti ,compassati molli nei contrasti,...basta un po' di pressing avversario che siamo in difficoltà...mentalmente non stiamo bene,...Brozovic e Perisic in campo non danno garanzie soprattutto il secondo....mister Spalletti dovrebbe trovare il coraggio di mandarlo in panchina,...a Roma faceva stare in panchina Totti e De Rossi non capisco il motivo di questa ostinazione , più spazio a Karamoh o Pinamonti ....Candreva é nella sua peggior stagione da quando gioca al calcio...B.Valero non gioca mai di prima , viene spesso sovrastato fisicamente dagli avversari.....Dalbert per personalità mi ricorda Kondogbia....vedo una squadra che lentamente sta per perdere il quarto posto in classifica e come gli anni scorsi da Mancini a Pioli e ora anche Spalletti non sanno come porre rimedio a questa situazione....forse tentare con qualche giocatore della nostra primavera come Zaniolo Emmers Colidio Odgaard piuttosto che insistere con i soliti giocatori che ci stanno facendo perdere il quarto posto.....comunque sono convinto di una cosa ...non può essere sempre colpa degli allenatori ....abbiamo una proprietà calcisticamente parlando incompetente e soprattutto un DS come Ausilio che in questa situazione ci sguazza beatamente.....ricordo che alla Juve dopo due settimi posti il ds di allora Alessio Secco venne cacciato via e purtroppo per noi interisti i risultati di sono visti....all'Inter invece gli rinnovano il contratto.....vuoi vedere che sia Lui il vero problema ?.......amala".

Francesco

 

"Gentile Redazione, vi mando un mio pensiero in seguito alla partita Inter-Crotone: Senofonte, in Memorabilia, scriveva " Gli dei, infatti, non concedono nulla di buono né di bello agli uomini senza lavoro e fatica" Guardando l'ennesimo pareggio di questi 2 mesi terribili le parole dello scrittore greco continuano a echeggiarmi nelle orecchie. Si vuole davvero far credere che una rosa, con un valore di 348,30 milioni, non è stata in grado di vincere contro l'Udinese (1-3), con il Sassuolo (0-1), con la Lazio (0-0), con la Fiorentina (1-1), con la Roma (1-1), con la Spal (1-1) e con il Crotone (1-1)? E' vero, Fiorentina, Roma e Lazio sono dei risultati che si devono anche preventivare nel tragitto, ma contro la Spal con una rosa di 45,15 milioni è inaccettabile che una rosa come quella dell'Inter non sia in grado di vincere, come è inaccettabile fare meno tiri in porta del Crotone (34,70 milioni il valore della rosa). Ultimamente sono state volte molte critiche nei confronti della società (che ha investito 500 milioni nella squadra) e nei confronti del mercato delle ultime stagioni, tuttavia un mercato che ha lasciato falle in una rosa che non è ancora completa (l'assenza di un vice Icardi) non può essere la corretta giustificazione per i risultati maturati con la Spal o con il Crotone. Ed è adesso che il concetto di lavoro e fatica non riesco a trovarli nell'Inter attuale. L'Inter che nel 2009-2010 ha vinto tutto, era un Inter dove i giocatori giocavano per la squadra, dove un giocatore come Eto'o (già campione d'Europa) si sacrificava in difesa pur di far vincere la sua squadra. L'Inter attuale vede la presenza di un giocatore come Marcelo Brozovic che, dopo una partita indegna giocata contro il Crotone, viene sostituito e ha il coraggio di fare una sceneggiata in panchina. Perchè quel gesto? Si stava sacrificando, stava faticando, stava dando il massimo per far vincere l'Inter? No. E non è la prima volta che questo si verifica nella stagione attuale. E se si parla di Brozovic, mi sembra anche giusto chiamare in causa Peresic. 90 minuti giocati, 2 palle gol clamorose sprecate. Eppure, continua a essere in campo. E anche da lui non vedo la fatica e il lavoro. Capisco che chiedere l'impegno che si è visto in campo dai giocatori del Triplete è impossibile, quella fu una squadra unica; ma non è possibile continuare a vedere scendere in campo la strafottenza, perchè questo è quello che sta accadendo da qualche partita a questa parte. Si è deciso che non si deve più arrivare in Europa? Lo si dica chiaro e tondo, si abbia rispetto per chi ogni weekend occupa un minimo di 45 mila posti a San Siro, a chi ogni weekend decide di seguire sulle paytv la sua squadra. Ho fatto gli esempi di Brozovic e Peresic, sono gli esempi più eclatanti della situazione attuale, ma tranquilli che loro non sono gli unici. Questo attacco lo rivolgo anche a Spalletti ora. Un grandissimo allenatore per quanto riguarda la gestione dei rapporti con la stampa, ma dal punto di vista tattico mi sta sorgendo più di qualche dubbio. Comprendo la rosa inadeguata per vincere il campionato, ma ciò non giustifica gli ultimi risultati ottenuti con l'assenza totale di una idea di gioco. Cancelo che arrivava da una serie di risultati positivi, viene spostato sulla fascia opposta, per sostituirlo con un D'Ambrosio che non ha portato un di più rispetto a quello che già Cancelo stava facendo, anzi. Un modulo che non funziona più, e che continua a venire riproposto. Un Rafinha che viene schierato in campo nel momento in cui la squadra è al totale sbando e gli schemi sono completamente saltati (preferisco non commentare la sostituzione per farlo entrare al 90esimo con la Spal). Karamoh che viene messo in campo al 70esimo e diventa uno dei giocatori più pericolosi della squadra, cosa che era già successa in passat o, ma lo si continua a preferire a giocatori che, adesso, non stanno portando nulla all'Inter. Se non lo si porta in campo con la Spal e con il Crotone, quando si aspetta per schierarlo? Ha dimostrato di avere più voglia di giocare rispetto a giocatori che guadagno il quintuplo di lui. La partita di questa sera ci ha anche portato qualcosa di buono, una risposta a una domanda che in molti si facevano. Icardi è il problema dell'Inter? No. Stasera con Eder in campo la squadra ha girato male, se non peggio, rispetto a quello che accadeva con Icardi, con un piccolo bonus in più: nel giro di 10 minuti Eder si è mangiato la palla del 2-0, ha regalato la palla dell'1-1 per il Crotone, e ha sbagliato la palla del 2-1 per l'Inter. Una tripletta perfetta. Per l'avversario".

Massimiliano

 

"Gentile Redazione è più di un anno che non scrivo considerazioni su questa squadra e questa società. Ero nauseato dalla maggior parte di questi pseudo giocatori che avevano ed hanno la fortuna di indossare queste gloriose maglie, ma senza averne un minimo di orgoglio e di rispetto. Devo essere sincero, mi sono un po' disamorato perché non vedevo in questi fortunati la rabbia che provavo io nel constatare la loro bolsaggine e la loro infingardia nei confronti di questi colori. Li ritrovo ancora oggi, con un allenatore diverso, che nonostante le esperienze di costoro, li ripropone, imperterrito, facendomi quasi pensare che ci sia una forma di masochismo irreversibile. Purtroppo anche se c'è un po' di distacco e la consapevolezza che con questi, sempre gli stessi da diversi anni, non si va da nessuna parte (sembra solo che la società e l'allenatore non lo capiscano) la partita la vedi e lo stomaco ti si rivolta e quindi, meno male, che c'è la vostra rubrica che ci permette di sf ogarci pubblicamente, almeno per coloro che non possono farlo allo stadio. Sono più di 50 anni che tifo INTER e non ricordo mai tanti giocatori insieme nell'organico che ti facevano sperare in una cessione, anche pagando. Penso che Ausilio e Spalletti la debbano smettere di prenderci in giro dicendo che questi giocatori sono gli stessi che ci hanno portato al primo posto, perché questi sono gli stessi che ci hanno portato al settimo posto lo scorso anno, rinforzati da due calciatori di una squadra che è finita dietro, Vecino e Valero, e, meno male, col rinforzo, questo si, di Skriniar, che come altri nostri giovani di valore, vedi Coutinho e Kovacic, verrà ceduto per problemi di FFP che, sembra, coinvolga solo l'Inter in Europa. Vorrei ricordare ad Ausilio e di conseguenza alla società, che anche quei giocatori allenati da Mancini ci avevano portato al primo posto, con quel che poi ne è seguito. Mi piacerebbe poi sapere con quale criterio si acquistano e si cedono calciatori, chi decide e perché li paghiamo così tanto che poi non li riusciamo a cedere se non a fine contratto. Sapere da Spalletti perché mi fa giocare Brozovic che era già a Siviglia (e quando ci capiterà più un'occasione del genere) e che da 9 partite, ho tolto dal conto quella farsa col Pordenone, che ripropone più o meno sempre gli stessi ed effettuando sempre le stesse sostituzioni, ma purtroppo non essendoci Società e dirigenti di livello, mi spiace per Zanetti, penso che queste mie curiosità non verranno mai soddisfatte. Quindi non mi resta altro che ascoltare sempre che i ragazzi si allenano seriamente, che i giovani nell'Inter prima di giocare devono fare esperienza, magari al Liverpool o al Real Madrid, squadre di poco conto, che non bisogna stravolgere nulla ed essere razionali ed equilibrati e che siamo in linea con gli obiettivi prefissati. Ma pongo una domanda, anche se inverosimile e non comprovabile, se ci fosse stata una lotteria fra i tifosi dell'Inter, quelli che se avessero la possibilità uscirebbero in barella dal campo perché non avrebbero la forza di farlo sulle loro gambe perché hanno dato tutto, ed il vincitore avrebbe vinto il premio di allenare e quindi di fare la formazione, per 10 partite, pensate che una sarebbe riuscito a vincerla?".

Sergio

 

"Buonasera, dopo l'ennesimo deludente passo falso mi sembra abbastanza inutile incominciare la solita litania di insulti e colpe a destra e a manca. Caro Spalletti c'è solo una cosa da fare: passare alla difesa a 3 D'Ambrosio, Skriniar, Miranda; dato che nessuno a sinistra da garanzie, abbassare Perisic in un centrocampo a 5 con Borja Valero vertice basso a triangolo rovesciato e quindi ai suoi lati Vecino e Gagliardini o Brozovic e appunto Perisic come nella Croazia abbassato a centrocampo sulla fascia sinistra; a destra Cancelo o Candreva, poi Rafinha centrale alle spalle di Icardi, una sorta di 3-5-1-1 tipo quello della Lazio e in alcune partite passare al 3-4-2-1, non ci sono alternative!!!! La cronica mancanza di un terzino mancino a sinistra imballa tutta la manovra, e poi basta di giocare sempre la palla dai difensori con patemi d'animo per noi tifosi continui, palla lunga e pronti sulla 2 palla. Inoltre gradirei non sentire i soliti proclami di fine stagione, mancano 15 partite, dobbiamo provare a vincerle tutte! Perchè fino ad ora no????!! Un mio personalissimo pallino che è mancato a Mancini qualche stagione fà nel girone di ritorno e che manca all'Inter di adesso è quel giocatore fisico , potente,che metteva tanto impegno, tiratore di punizioni, che era Guarin, lo si criticava che tirava troppe volte alto, ma tirava! perchè come si è visto in questi ultimi anni non si riesce a costruire niente e se non tiri da fuori( e 5 o 6 gol a stagione li ha sempre fatti), non tiri mai in porta. In questa serata io ero personalmente "orfano" del mio Capitano l'unico fuoriclasse che abbiamo: Icardi che fà reparto da solo, che da solo "riempie" l'area, no quel trottolino grassotello di Eder che ha si scazzato il gol( ai tempi miei era autogol)ma rimane sempre un mediocrissimo calciatore che a parole fà il fenomeno ma nei fatti pur sbattendosi senza costrutto rimane sempre un giocatorino".

Diaz

 

"Cara redazione , scrivo e so che non lo pubblicate il mio messaggio !!! Purtroppo siamo in mano ad una Societa' incapace , che usa solo il silenzio , con i tifosi che riempiono tutte le partite della BENEAMATA. Ci vuole RISPETTO EDUCAZIONE , non siamo dei BURATTINI , loro sono dei PAGLIACCI !!!! Hanno preso l' Inter come un giocattolo , usarlo solo per i propi INTERESSI E BASTA , palese come si sono trattenuti in patria RAMIREZ , senza voler rinforzare la nostra squadra , con la necessita' che abbiamo. Ora tutto si sta sgonfiando come un palloncino , poi arrivera' giugno , senza obiettivo centrato e allora ci saranno i colpi di scena , vendere vendere per autofinanziarci , e vai , cosi via Icardi ( a me non dispiace ) via Skrinar , gli unici che hanno mercato buono , e noi ?????? Per quanti anni dobbiamo ancora SOFFRIRE a parte veder giocare sti CAPRONI , ma SOPPORTARE i RUBENTINI E BILANISTI ????? Spero che il nostro AMATO MASSIMO MORATTI ( diteglelo a quelli che lo criticavano ) trovi una cordata ITALIANA SERIA e TORNIAMO AD ALTI LIVELLI , QUANDO SARA' questo SOGNO PROIBITO ???? TRISTEMENTE AMALA".

Mauro

 

"Non so se sta volta lo pubblicherete o meno, onestamente mi interessa il giusto, c'è un però però! Mi dà fastidio! Mi dà fastidio che diate voce solo ai tifosi disfattisti! Io non sono disfattista! Ansi vi dirò! Che Spalletti è un gran signore e intendo tutt'altro... Nel senso che se siamo qui adesso è sì per colpa sua, ma perché è troppo chiaro che il signor Spalletti che adesso fa quello che difende i giocatori, voleva altro! Si lui un pastore lo voleva! Non sto a dire tutti gli altri nomi che il signor Spalletti voleva! Lui vuole vincere! E lo vogliamo anche tutti noi interisti! Ahimè, ha pensato che all'Inter avrebbe avuto tutti i giocatori che desiderava, ma non d così! I cinesi spendono con raziocinio! E lo faranno sempre! Non eravamo da scudetto l'anno scorso, tantomeno quest'anno! Ma quest'anno a differenza di altri, siamo squadra, questo sì, Grazie a Spalletti! Il quale però, se c'è un momento di crisi, se ne deve prendere le colpe! Perché? Perché il signor Spalletti voleva altro! Non gli bastava la champions! Detto ciò, io è da quando è arrivato un certo benitez che non guardò più l'Inter! Perché benitez non era abituato a prime donne ma a giovani vogliosi di combattere! Tant'è vero che è stato mandato via dopo poco! Ma noi nel frattempo ci siamo persi almeno due campionati che potevamo tranquillamente vincere se non si sperimentava prima benitez poi gasoerini poi stramaccioni! Non considero ne Leonardo ne Ranieri perché subentrati! L'unico forse in grado di fare qualcosa poteva essere mazzarri, si, il piagnina! Però noi abbiamo troppa fretta di esser grandi e con piagnina non andava bene... Detto ciò! Così come sapevo che con l'arrivo di benitez l'Inter non avrebbe fatto un cazzo, con la tranquillità più totale vi dico che noi quest'anno in Champions ci andiamo! Soffriremo come dei pazzi perché altrimenti non saremmo l'Inter! Ma ci andremo! Questo sì! Grazie a Luciano! Però Luciano mi fa incazzare! Perché non dice le cose in modo chiaro! È lui voleva vincere! Vincere come nessuno! Con questa inter! E vaffanculo! Riportaci in champions intanto! A vincere ci penseremo prossimamente! Intanto non ci prendere per il culo! Comunque a spendere fiotti di soldi son tutti bravi! A vincere solo chi lo sa fare! E non con tutti i soldi del city o del Psg. Abbiamo un Sabatini a cui credo! Ausilio non lo so ma Spalletti uno dei migliori in circolazione in questo momento! Basta! Passerà! Torneremo vincenti! Detto da uno che il giorno dopo il triplete contava gli anni a tutti i giocatori, e ne ho avuta di ragione, l'avrò anche stavolta! Champions come minimo! ...".

Ylli

 

"La domanda che ogni tifoso da tempo si sta facendo ma la SOCIETA' dove è finita??? Con la scusa delle regole (solo per noi) rigide uefa e di quelle del governo cinese nella squadra non viene più investito un soldo. Per carità riconosco che le gravose vecchie situazioni di debito sono state quasi risolte, ma questi signori sapevano benissimo che non acquistavano una ennesima società di elettrodomestici ma una società che oltre a risanarla bisognava investire in modo importante sul parco giocatori in quanto con risultati positivi si hanno riscontri economici positivi. Allora invece di fare grandi proclami e acquisti sbagliati (consigliati da qualche procuratore amico) si doveva spiegare bene a noi tifosi che il programma sarebbe stato: 1 risanamento finanziario 2 investimento sui giovani promettenti che fra 3/4 anni avrebbero con la necessaria maturazione ricostruito una squadra. Invece non abbiamo alcuna informazione e quando parla la proprietà lo fa con parole (non lasceremo nu lla di intentato) per poi disattenderle completamente. Ecco che allora noi tifosi siamo prima disorientati (anche perchè voi giornalisti continuate a giusticare questa potenza economica) e adesso siamo stufi e ci siamo rotto i co...ni di questi signori che non si fanno sentire (ieri sera dov'era il figlio del patron) e quando parlano dicono solo no. La qualificazione alla ucl è compromessa e con questa squadra forse ci dovremo accontentare di quella minore. In ogni modo se dovessimo andare in ucl, la società dovrà come minimo per fare un figura decente cambiare o acquistare almeno 7/8 elementi... ma sicuramente il governo cinese dirà di no e la società inter farà la solita figura di mer.a Allora quello che ci aspetterà in ogni modo sono tempi cupi e neri con questi proprietari, con questi dirigenti, con questo allenatore e con questi giocatori. Allora la sola speranza è che arrivi nuova aria che spazzi via questi pseudo signori falliti e il nuovo vento ci indichi in modo chiaro come in quanto tempo la nostra inter risogerà e solo in questo modo noi tifosi ci metteremo l'animo in pace e ritorneremo a sostenere i nostri colori".

Antonio

 

"Gentile Redazione MAI e poi MAI avrei pensato di rivivere con Spalletti lo sprofondo già vissuto con Mancini e Pioli. E’ quindi chiaro che non è colpa di allenatori prime donne o allenatori poco motivatori. E’ colpa semplicemente dei giocatori che vestono questa maglia e di chi li ha scelti, perlomeno negli anni passati in cui i fondi c’erano, cioè del D.S. Ausilio. Ormai il quarto posto diventa irraggiungibile e poi, ma vogliamo dircelo sinceramente, in C.L. che si va a fare???? A farsi prendere a pallonate da gente che corre per 90 minuti, lotta, sbaglia, recupera, tenta di nuovo e tutto ciò per l’intera partita. Non per gli ultimi 20 minuti come fa l’Inter. E’ chiaro che c’è da cambiare gran parte della rosa e costruirla con gente giovane, privilegiando chi ha cuore, gamba, voglia di arrivare, serietà fuori dal campo. Le doti tecniche sono meno importanti di queste cose. Se i giocatori sbagliano uno stop e poi corrono per recuperare la palla a me va bene. Se gli altri la pensano diversamente continueranno a vedere questa gente qua. Ma sarà possibile che uno con la rabbia agonistica che ha Cutrone all’Inter non venga mai fuori ? Non essendoci soldi i fondi possono solo venire dalla vendita di chi ha mercato e garantisce plusvalenze. Così si esce anche dal F.P.F. Ciò vuol dire vendere anche Icardi. Insieme a lui venderei gli slavi Brozovic e Perisic e anche Handanovic, che quando vede che tutto crolla intorno a lui, smette anche di tuffarsi. La nuova squadra io la costruirei su Skriniar, che dopo un certo periodo di prova farei anche capitano, su Gagliardini e pochi altri, compreso qualche anziano, chiarendo loro che dovranno fare da chioccia agli altri e giocare quando saranno in condizione e basta. Se se la sentono bene. Sennò arrivederci. Ad esempio a Miranda, che è in scadenza, direi, se rimani si fa il contratto di 1 anno, come fa la Juve con Chiellini e Barzagli. Se non te la senti vai pure e amici come prima. Lo stesso a Candreva, Borya Valero e così via. Un acquisto imprescindibile dovrebbe essere Tare, al posto di Ausilio. Sarebbe una rivoluzione. Ma a questo punto è chiaro che la politica dei piccoli passi, degli aggiustamenti con 1 o 2 innesti all’anno, non funziona. E non funzionerà mai perché la base della squadra Inter non esiste, perché non sono una base di squadra gli slavi e Icardi e non lo saranno mai. Per quest’anno consiglierei a Spalletti di non guardare più in faccia a nessuno. Alla Juve fanno accomodare in panchina Higuain, Dybala ecc. Per non parlare dei nuovi acquisti, che prima di entrare in pianta stabile devono sottoporsi al giudizio degli anziani e dell’allenatore. Così crei gente che ha fame di vittorie, che sa che se giochi 1 o 2 partite sotto tono, la terza ti accomodi in panca. E’ così che ti alleni a reggere la pressione e a dare tutto in campo. Senza pensare alla nazionale e ai mondiali come fa Perisic. Poi a Spalletti chiederei come mai i ns. giocatori camminano tutti. Ieri sera Dalbert, che non ha mai giocato ed è un giovane, al 70’ aveva i crampi. Ma come è possibile ??? Ma che allenamenti fanno ?? Vi ringrazio dello spazio e della Vs. cortesia".

Maurizio

 

"Gent.ma Redazione e’ da molto tempo che non ho scritto, tanto I risultati arrivavano, anche se il gioco non mi entusiasmava piu’ di tanto. Ero convinto che Spalletti potesse riuscire a migliorare questo aspetto. Mi sono sbagliato ! Sono ormai 10 partite ufficiali, con 9 pareggi e 3 sconfitte, tra le quali in CI con il Milan, che ci ha eliminato e che siamo riusciti a resuscitare. A parte i risultati negativi, il gioco, anzi il non gioco, la fa da padrone. Spalletti mi ha illuso e deluso e non mi si venga dire che i giocatori non li abbiamo, certamente io non mi sarei tenuto Brozo,Ranocchia e Santon. Questi non dovevano essere riconfermati e di questi ne ho parlato sempre con i mie amici interisti e non, con i quali m’incontro tutte le mattine in un centro commerciale qui a Toronto. Spalletti resta il maggiore responsabile di questo declino, non ci sono dubbi. Ha fatto giocare sempre gli stessi, continua a farli giocare anche quando sono a pezzi, guardi Peresic, svuotato e svogliato. Spalletti non riesce a metterlo in panchina, forse perche’ lui l’ha “voluto fortemente” , pero’ riesce sempre quasi sempre a sostituire uno come Candreva, che non e’ al top, ma al contrario di Peresic, da sempre tutto in campo. Il tecnico non e’ riuscito a lanciare i n fase stabile nessun giovane, e di questi l’Inter ne ha tanti. Ha fatto giocare Cancelo esterno basso, e per di piu’ sulla fascia che non e’ sua. Cancelo a me piace tanto, ma solo da esterno alto. Poi per finire, questo suo modulo, con il solo Icardi li davanti, va rivisto. Ormai i nostri avversari l’hanno capito e il nostro gioco, anzi il nostro non gioco e’ molto prevedibile. Sono ancora convinto che l’Inter ha una buona rosa ad eccezione di quei 3 ai quali ho accennato prima, e ai quali aggiungo anche Dalbert, pagato tanto ma che fino ad oggi ha dato pochissimo e pure malamente! Nonstante cio’, Spalletti e’ riuscito a liberarsi del piccolo Nagatomo, che in confronto a quelli che abbiamo in quella posizione era un gigante, tanto e’ vero che fin quando Spalletti l’ha fatto giocare, i risultati sono stati migliori. Ora serve un po’ di coraggio, o Spalletti cambia modulo di gioco, o la Societa’ ha il dovere di cambiare lui, non ci sono, per come io la penso, altre alternative. In altri tempi sarebbe stato gia’ esonerato con questi pessimi risultati.

Alfredo

 

"Gentile Redazione, forse e' l'ultima volta che scrivo, perche' mi sono rotto di questa banda di mercenari che scende in campo con la nostra gloriosa maglia; Mi sono rotto delle decisioni inspiegabili, degli esperimenti e della mancanza di palle dell'allenatore di turno; Mi sono rotto dell'assenza cronica di una Societa' chew non comunica e non prende provvedimenti; MA QUALE PROBLEMA DI TESTA ? Chi l'ha detto che se non sono primo o secondo devo mollare e non giocare piu', sulla stregua dei bambini viziati? Il problema e' che all'Inter c'erano e ci sono dei clan che continuano a fare il bello e il cattivo tempo, che decidono quando si deve giocare e quando no, quando stare tranquilli e quando fare casino, quando stare dalla parte dell'allenatore e quando silurarlo; E non si tratta, come penseranno molti, del solito clan degli Argentini (quelli almeno giocavano e gettavano l'anima in campo ), bensi' di quello degli Slavi, supportato da qualche Italiano; Ora, dico io, e' lampante che la squadra va male da quando i "signori" Brozovic, Perisic, Candreva, con l'aiuto saltuario di Handanovic e D'ambrosio hanno smesso di giocare, portando dietro, gradualmente, anche Gagliardini e Vecino e rendendo la vita difficile ad Icardi (che ci mette anche del suo); Tutto ad un tratto abbiamo cominciato ad avere passaggi fuori misura, errori da scapoli e ammogliati, atteggiamenti indisponenti, impegno pari allo zero, azioni personali in solitaria, e tutto quello che vediamo da due mesi a questa parte; Visto che questi "signori", improvvisamente, per dimostrare non so cosa, non si sentono all'altezza di lottare per un piazzamento Champions (stiamo sciupando punti preziosissimi con squadre che dovrebbero portarci i punti qualificazione), cosa che si ripete, puntualmente, da un paio di stagioni e si risparmiano per i mondiali 2018 (cui tengono tantissimo), mi chiedo perche' non trattarli con la stessa moneta? E' qua subentra l'operato dell'allenatore, che fino a prova contraria e' quello che paga in prima persona per questo comportamento dei giocatori, pero'non si accorge, specie col Crotone, che gli stanno remando contro; Gli remano contro quando ognuno di loro parte, a testa bassa, in azione personale, senza guardare minimamente i compagni; Quando ritarda fino all'ultimo un passaggio che potrebbe effettuare dieci secondi prima, quando si effettuano passaggi fuori misura, anche nelle situazioni piu semplici; E poi mi chiedo: 1) Per quale motivo ci mette del suo, continuando ad assecondare voleri di non so chi, lasciando fuori, come spesso accade giocatori che dimostrano di poter stare in campo ( Cancelo)? Anche se non sara' riscattato, almeno sfruttiamolo per questi 5 mesi; 2) Perche', invece di lamentarsi, non tira fuori le palle e trova il coraggio, lasciando fuori i suddetti lavativi, ed inserisce forze fresche (Dalbert, Lopez, Karamoh, Rafinha, Pinamonti), o qualche giovane meritevole della primavera come Emmers, Zaniolo, Odgard ? 3) Perche', visto che tengono al mondiale, e noi ne abbiamo parecchi, non li schiera in panchina, facendogli rischiare di perderlo, fino a quando non decideranno che e' giunta l'ora di rimettersi a giocare? Credevo che avessimo finalmente trovato un allenatore che sapeva il fatto suo, ma o per colpa sua, o per colpe di altri, mi devo ricredere guardando il suo comportamento: Rivedo gli allenatori del passato, quelli che passeggiano nervosamente in panchina, avanti e indietro, sconsolati e senza sapere che pesci pigliare; Alla fine ci mettiamo una Societa' di burattini, che va in tv a parlare soltanto di FFP, che non e' capace di fare un comunicato per smentire le mille trattative attribuiteci dai giornalai, che insegue mille giocatori e alla fine prende il piu scarso e meno costoso (ora ci riempiranno la testa, con questo Lautaro Martinez, fino a giugno); Una Societa' fantasma, che non riesce ad usare il pugno di ferro con questi mercenari che vanno in campo, almeno per dare un segnale a quelli che verranno; Una Societa' dove, chiunque arrivi, e' accolto come il salvatore della patria, in pompa magna, con stipendio triplicato rispetto a quello precedente, tranne, poi, adeguarsi all'andazzo generale, scadendo di rendimento e andando incontro ad una sicura involuzione tecnica, senza che vada incontro a penali, tagli di stipendio o provvedimenti tecnici; Ecco, cara redazione, mi sono sfogato ! E dopo 50 anni di pene per l'Inter, sono veramente di sentirmi prendere per il culo da un branco di mocciosi e da una Societa' incapace, dal 2010 ad oggi,di gettare le basi per una squadra decente; Non mi aspetto di vedere una squadra di fenomeni, am una squadra che giochi almeno, scusatemi il paragone, al livello del Crotone! AMALA".

Santi

 

"Gentile Redazione, forse e' l'ultima volta che scrivo, perche' mi sono rotto di questa banda di mercenari che scende in campo con la nostra gloriosa maglia; Mi sono rotto delle decisioni inspiegabili, degli esperimenti e della mancanza di palle dell'allenatore di turno; Mi sono rotto dell'assenza cronica di una Societa' chew non comunica e non prende provvedimenti; MA QUALE PROBLEMA DI TESTA ? Chi l'ha detto che se non sono primo o secondo devo mollare e non giocare piu', sulla stregua dei bambini viziati? Il problema e' che all'Inter c'erano e ci sono dei clan che continuano a fare il bello e il cattivo tempo, che decidono quando si deve giocare e quando no, quando stare tranquilli e quando fare casino, quando stare dalla parte dell'allenatore e quando silurarlo; E non si tratta, come penseranno molti, del solito clan degli Argentini (quelli almeno giocavano e gettavano l'anima in campo ), bensi' di quello degli Slavi, supportato da qualche Italiano; Ora, dico io, e' lampante che la squadra va male da quando i "signori" Brozovic, Perisic, Candreva, con l'aiuto saltuario di Handanovic e D'ambrosio hanno smesso di giocare, portando dietro, gradualmente, anche Gagliardini e Vecino e rendendo la vita difficile ad Icardi (che ci mette anche del suo); Tutto ad un tratto abbiamo cominciato ad avere passaggi fuori misura, errori da scapoli e ammogliati, atteggiamenti indisponenti, impegno pari allo zero, azioni personali in solitaria, e tutto quello che vediamo da due mesi a questa parte; Visto che questi "signori", improvvisamente, per dimostrare non so cosa, non si sentono all'altezza di lottare per un piazzamento Champions (stiamo sciupando punti preziosissimi con squadre che dovrebbero portarci i punti qualificazione), cosa che si ripete, puntualmente, da un paio di stagioni e si risparmiano per i mondiali 2018 (cui tengono tantissimo), mi chiedo perche' non trattarli con la stessa moneta? E' qua subentra l'operato dell'allenatore, che fino a prova contraria e' quello che paga in prima persona per questo comportamento dei giocatori, pero'non si accorge, specie col Crotone, che gli stanno remando contro; Gli remano contro quando ognuno di loro parte, a testa bassa, in azione personale, senza guardare minimamente i compagni; Quando ritarda fino all'ultimo un passaggio che potrebbe effettuare dieci secondi prima, quando si effettuano passaggi fuori misura, anche nelle situazioni piu semplici; E poi mi chiedo: 1) Per quale motivo ci mette del suo, continuando ad assecondare voleri di non so chi, lasciando fuori, come spesso accade giocatori che dimostrano di poter stare in campo ( Cancelo)? Anche se non sara' riscattato, almeno sfruttiamolo per questi 5 mesi; 2) Perche', invece di lamentarsi, non tira fuori le palle e trova il coraggio, lasciando fuori i suddetti lavativi, ed inserisce forze fresche (Dalbert, Lopez, Karamoh, Rafinha, Pinamonti), o qualche giovane meritevole della primavera come Emmers, Zaniolo, Odgard ? 3) Perche', visto che tengono al mondiale, e noi ne abbiamo parecchi, non li schiera in panchina, facendogli rischiare di perderlo, fino a quando non decideranno che e' giunta l'ora di rimettersi a giocare? Credevo che avessimo finalmente trovato un allenatore che sapeva il fatto suo, ma o per colpa sua, o per colpe di altri, mi devo ricredere guardando il suo comportamento: Rivedo gli allenatori del passato, quelli che passeggiano nervosamente in panchina, avanti e indietro, sconsolati e senza sapere che pesci pigliare; Alla fine ci mettiamo una Societa' di burattini, che va in tv a parlare soltanto di FFP, che non e' capace di fare un comunicato per smentire le mille trattative attribuiteci dai giornalai, che insegue mille giocatori e alla fine prende il piu scarso e meno costoso (ora ci riempiranno la testa, con questo Lautaro Martinez, fino a giugno); Una Societa' fantasma, che non riesce ad usare il pugno di ferro con questi mercenari che vanno in campo, almeno per dare un segnale a quelli che verranno; Una Societa' dove, chiunque arrivi, e' accolto come il salvatore della patria, in pompa magna, con stipendio triplicato rispetto a quello precedente, tranne, poi, adeguarsi all'andazzo generale, scadendo di rendimento e andando incontro ad una sicura involuzione tecnica, senza che vada incontro a penali, tagli di stipendio o provvedimenti tecnici; Ecco, cara redazione, mi sono sfogato ! E dopo 50 anni di pene per l'Inter, sono veramente di sentirmi prendere per il culo da un branco di mocciosi e da una Societa' incapace, dal 2010 ad oggi,di gettare le basi per una squadra decente; Non mi aspetto di vedere una squadra di fenomeni, am una squadra che giochi almeno, scusatemi il paragone, al livello del Crotone! AMALA".

Marcello

 

"Con preghiera di pubblicazione Perfettamenta d'accordo con l'editoriale di Mastronardi del 4 febbraio. Spalletti e' prigioniero della sua ortodossia tattica e da questa situazione si esce solo con la fantasia. Perisic (che mai ha saltato Faraoni e non ha finalizzato almeno due limpide palle gol) e Brozo gia' stanno pensando al mondiale, Eder seppur si impegni non e' una punta centrale al limite un falso "nueve". La soluzione ce l'abbiamo in casa: Spalletti e' in confusione e da questa situazione se ne esce togliendo Perisic o Candreva o tutti e due, passare ad un modulo piu' funzionale alle contingenze, far giocare Pinamonti( che ha fisicita',tecnica,tiro da fuori) assieme ad Icardi, una mediana composta da Gaglia-Vecino-Valero-Rafinha con Emmers primo cambio, peraltro elogiato anche da Bergomi su Sky, Cancelo titolare fisso e Karamouh valida alternativa ove necessitasse un cambio di modulo. Purtroppo tranne Icardi attualmente non vi sono leader in campo mentre Mou aveva Materazzi, Cambiasso e Zanetti. Sicuramente a Spalletti la proprieta' aveva fatto ben altre promesse ed allora al termine della stagione ne prenda atto e se coerente dia le dimissioni ove non venisse rispettato l'accordo precedentemente raggiunto. Comunque ove Spalletti avesse il coraggio di scelte apparentemente impopolari sono convinto, al contrario di Lapo De Carlo che la UCL sarebbe fattibile. Se,Se,Se...".

Maurizio

 

"Buongiorno Dopo aver scritto che forse il "non aver preso nessuno" sia una cosa positiva, perchè mette i giocatori di fronte alle proprie responsabilità, ho visto Inter-Crotone. Oggi mi faccio delle domande (e vorrei farle ai giocatori ed a Spalletti): possibile che tutti quanti si mettano a correre negli ultimi 5 minuti quando la gara è compromessa? Possibile che Dalbert, che sembra premesse per giocare, dopo 70 minuti in cui non ha fatto una discesa fino in fondo al campo, ha fatto solo passaggi tranquilli indietro, abbia i crampi? Possibile che Cancelo entri con la possibilità di farsi vedere e invece rimane timido dietro? Possibile che Candreva, che pure fisicamente mi sembra un pò meglio di qualche settimana fa, non riesca a saltare neanche un palo? Possibile che Perisic (come tutti gli attaccanti ed i centrocampisti) non riesca a prendere la porta MAI? Ci è voluto Rafinha per far fare una parata al buon Cordaz..... Ed infine a Spalletti: Karamoh e Eder usati con il contagocce, anche (e soprattutto) con Crotone, Spal, Sassuolo, ecc, quando potevano far rifiatare i titolari; come saranno in grado di giocare con Milan, Juventus, Napoli?? Bah. Amala".

Matteo

 

"Trovo intollerabile questa caduta inerziale che non trova un arresto. Da tifoso che tifa Inter da 53 anni trovo offensivo che la proprietà si sia liquefatta in modo ignobile. Dove stanno i cinesi? Dove sta Sabatini? Dove sta il Presidente Thoir? Dove sta e cosa pensa Zanetti? E il buontempone Antonello? Che ogni giorno pontifica sulle % di crescita commerciale del brand, ma nulla dice sullo sfascio verticale della squadra che ora si appresta a compiere l'ennesimo misfatto: essere superata in classifica dal Bilan di Gattuso e dei cinesi dirimpettai (pensa come è messa Milano). E Spalletti che da condottiero invincibile è diventato una femminuccia timorosa incapace di dare un segno di personalità. Ha una squadra liquefatta soprattutto negli uomini più costosi e non fa una mossa per invertire la rotta. Da ridere e da piangere. Moratti ricompri l'Inter e chiami all'azionariato popolare. Io ci sono. Tutto pur di arrestare questa inerzia. Doveva essere Inter da combattimento con Spalletti, ed invece è la solita Inter disarmante che su venti punti disponibili ne prende 4. Ciao".

Enzo

 

"Cara redazione, innanzitutto vi volevo ringraziare per aver pubblicato il mio sfogo la scorsa settimana ed ancora voglio complimentarvi con voi per il bel lavoro che fate. Purtroppo anche questa settimana ci troviamo a fare i conti con i dolori calcistici del week end che questa volta, a mio parere,sono imputabili principalmente al nostro coach. Ho l'impressione, come avevo già detto la scorsa volta, che Spalletti sia in balia di qualcosa/qualcuno che lo costringa a determinate scelte, e da un certo punto di vista mi auguro che sia così altrimenti la situazione sarebbe ancora più precoccupante. Si è sempr parlato del coraggio delle scelte dell'allenatore toscano, della sua forte personalità, della sua capacità di governare la nave anche in mezzo alla tempesta, in verità da quando è all'Inter al primo temporale la barca ha cominciato ad imbarcare acqua e non si vedono soluzioni da due mesi a questa parte. Il tecnico di Certaldo saprà sicuramente spiegarci perchè Candreva e Perisic debbano essere titolari inamovibili anche se da due mesi praticamente latitano in campo (anche se per i due valgono discorsi differenti)mentre lo stesso tecnico negli ultimi anni a Roma ha avuto la forza ed il coraggio di mettere da parte Totti. Pechè questo coraggio oggi manca? Non si venga a dire, per cortesia, che il motivo è la mancanza di alternative perchè ad oggi non sappiamo nemmeno se le alternative esistano semplicemente perchè chi potrebbe sostituire i due (Perisic e Candreva) non ha mai avuto una vera chance, nè un attestato di fiducia con la possibilità di giocare 2/3 gare consecutive per dimostrare il proprio valore ed i propri limiti. In un periodo come questo dare una possibilità a giocatori nuovi, giovani ed affamati, potrebbe essere un modo per mettere in campo un pò di quell'entusiasmo che si è perso nei "titolarissimi" che pure dei buoni risultati avevano ottenuto. Mettere a riposo Perisic in particolare potrebbe anche essere un modo per poterlo recuperare fisicamente per il finale di stagione in quanto è super evidente che ad oggi quello dell'esterno croato è soprattutto un preoccupantissimo calo fisico A memoria mi pare di ricordare che nelle ultime 7/8 partite Perisic non abbia mai saltato l'uomo!!! Ma soprattutto spaventa la totale assenza di qualsiasi tipo di contributo di Perisic in campo, sia in termini di gol che assist che impegno. Discorso parzialmente diverso va fatto per Candreva che corre ma corre molto male. Corse inutili, palloni portati al piede per 30 mt per poi schiantarsi letteralmente contro avversari immobili, cross sempre più imprecisi, dai-e-vai sempre più macchinosi, mai un tiro preciso nello specchio della porta in più di 20 giornate. Perchè questi due giocatori devo essere inamovibili e perennemente titolari? Ma non solo questo è preoccupante, purtroppo. Ho l'impressione che il buon Luciano abbia perso la bussola delle scelte tattiche, addirittura rinunciare a Cancelo che è stato il migliore delle ultime giornate. Ci voglia spiegare l'allenatore quale buon risultato ha visto da questa rinuncia. Ma soprattutto ci voglia spiegare perchè bisogna sempre e comunque giocare soltanto sulle fasce rinunciando all'imbucata centrale. da settimane siamo costretti a vedere decine di passaggi tra Skriniar, Miranda, Borja Valero e Vecino tutti in orizzontale e gli unici passaggi in veritcale sono sempre all'indietro. Anche questa smania dell'2uscire con la palla al piede" appare del tutto inconferente alle ridotte qualità tecniche del nostro centrocampo. Dobbiamo metterci in testa che giochiamo con il centrocampo della Fiorentina che l'anno scorso è arrivata decima in campionato, noi non possiamo permetterci certi fraseggi perchè non abbiamo Modric, Iniesta, Xavi, David Silva. Ditemi uno solo dei nostri centrocampisti che giocherebbe titolare nella Juve, nella Roma o nel Napoli. Anche il gol preso con il Crotone è nato da un errore di Skriniar che anticipa l'attaccante ed invece di sparare la palla a centrocampo (come avrebbe fatto Samuel, al quale indegnamente Skriniar viene sempre paragonato)ha cercato un appoggio sull'esterno, con palla persa e messa al centro ed alì è nato il gol. Se Perisic e Candreva sono fuori forma si deve rinunciare al doppio esterno e passare ad un 4-3-2-1 che possa anche permettere ad Icardi di non essere sempre solo in fase di conclusione. Diamo al nostro centravanti l'opportunità di avere un paio di soluzioni per uno scaarico ed una sponda sui compagni che lo seguono a rimorchio. e' vero che in squadra non abbiamo fenomeni ma non credo che sia necessario avere Messi e Ronaldo per battere Crotone e Spal. Mi piacerebbe vedere alle spalle di Icardi un duo Eder (oppure Karamoh) e Rafinha capaci di essere allo stesso tempo il primo sfogo del centrocampo, e soprattutto non sempre e solo sull'esterno, e l'immediato supporto di Icardi. Impresindibile però deve essere la presenza di Cancelo che sulla fascia DESTRA (sembra assurdo ma questa precisazione con lo Spalletti di questi tempi è doverosa)può diventare un'ala ben più pericolosa di Candreva che potrebbe essere riciclato mezzala destra con il semplice compito di trasformarsi in terzino di copertura quando il portoghese spinge, in questo modo non verrebbe a mancare la quantità di Candreva e la sua assoluta mancanza di qualità tecnica non danneggerebbe come al solito il nostro attacco. Nello scusarmi ancora per il mio sfogo vi ringrazio ed auguro una buona giornata a tutti. Purtroppo, sempre, Forza Inter".

Michele

 

"Dalbert va lasciato libero di giocare, lo scorso anno al Nizza faceva l'attaccante più o meno, si sono intraviste nel giocatore qualità per trasformarlo in un difensore a tutto campo, benissimo, oggi per seguire tutto quello che gli hanno insegnato, non passa nemmeno più la metà campo cosa che era nelle sue corde in precedenza, io gli farei fare qualche partita da esterno alto magari davanti a D'ambrosio accentrando Perisic in modo da liberarlo mentalmente. Un appunto a Spalletti al quale non mi permetto di insegnare nulla, dopo alcune partite in cui era stato il migliore, mi è toccato vedere in panchina Cancelo, forse perchè non ha ancora assimilato bene la parte difensiva? ma di grazia, si giocava contro il Crotone mica contro il real madrid, se l'allenatore è il primo a mandare certi messaggi.........".

Achille

 

Sezione: Visti da Voi / Data: Lun 5 Febbraio 2018 alle 22:18 / articolo letto 5585 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit