"Buon giorno,
è la prima volta in assoluto che Vi scrivo ma da Interista doc ed amante del calcio mi fa specie il "caso Adriano". Lo definisco “caso” in quanto quello che sta accadendo potrebbe creare un pericoloso precedente ed altri giocatori/procuratori in un prossimo futuro possano prenderne spunto. Infatti penso che riuscire ad ottenere la rescissione di un contratto in questa
forma, una chiara e manifesta inadempienza e recidività comportamentale anche se potenzialmente giustificata da una possibile depressione od emotività instabile, sia pericolosissimo.
Se davvero il giocatore e l'uomo ha bisogno di un tempo per ritrovarsi perfetto ... rinunci allo stipendio ed ai vari premi
e chieda l'equivalente di una "aspettativa", così come può avvenire per qualsiasi lavoratore; ma rescindere un contratto e
dal giorno dopo non avere vincoli con la società che ne deteneva il cartellino mi sembra un assurdo.
Volendo fare un esempio il buon Kakà .. non avverrà mai ma chissà lo prenda come un suggerimento ... potrebbe domani
chiedere la rescissione del contratto per crisi mistica adducendo che vuole fare opere di conversione religiosa in Burkina Faso
e dopo 2 giorni firmare per una qualsiasi altra squadra. Vi lascio quindi con questo "caso" e nella speranza che questo mio scritto sia preso in considerazione, ed anche se non pubblicato possa avere un Vs. gradito riscontro d’opinione, colgo l’occasione per farVi i complimenti per il sito e salutarVi cordialmente".



Stefano Biancardi

Sezione: Visti da Voi / Data: Gio 16 aprile 2009 alle 15:25
Autore: Redazione FcInterNews
vedi letture
Print