RADU 6,5 - Esordio da titolare dopo i 45 minuti contro la Samp e prestazione nel complesso positiva, anche se sul gol di Mkhitaryan si fa piegare le mani e nella ripresa non esce benissimo su Pellegrini. Graziato da Dzeko che centra l'incrocio dei pali, è molto bravo sui palloni che transitano nella sua area piccola: colla nelle mani.

D'AMBROSIO 6 - Non è ancora al massimo della condizione, come già si era notato sabato scorso. Gli manca la reattività che solitamente gli permette di andare in anticipo sull'avversario, come quando è in ritardo sul gol di Mkhitaryan. Bravo a sbrogliare sul cross pericoloso di Karsdorp.

RANOCCHIA 6,5 - Dzeko ogni tanto lo porta a spasso, muovendosi lontano dall'area avversaria (lo manda a vuoto in occasione della traversa). Il centrale umbro non si scompone e interpreta il ruolo alla vecchia maniera, lottando sui palloni alti e usando il fisico per tenere a distanza di sicurezza gli approcci offensivi dei giallorossi. Spettacolare l'anticipo su El Shaarawy che già sta festeggiando il gol.

SKRINIAR 6 - Torna a sinistra dove la scorsa stagione aveva sofferto non poco. Ma sta bene ed è in fiducia, quanto basta per mantenere alto il rendimento anche cambiando posizione. Stavolta però non partecipa molto alla fase offensiva, lasciando l'incarico a D'Ambrosio.

DARMIAN 6 - Santon si limita a osservarlo e lui sfrutta le praterie, soprattutto quando l'Inter riparte. Bravissimo a servire l'assist per il vantaggio di Brozovic, meno nella chiusura su Mkhitaryan. Nel complesso fa la sua parte con dovizia di particolari. DAL 77' YOUNG 6 - Sufficienza di stima, si limita a tamponare sulla spinta di Karsdorp prima e Bruno Peres poi.

VECINO 6,5 - Ehilà, c'è anche il Mate. L'ultimo gol nel Derby della rimonta, oggi torna a timbrare il cartellino e ne sfiora altri due solo nella prima frazione. Sta bene, alimenta la spinta offensiva con inserimenti intelligenti e non si estranea dalla battaglia. Quanti rimpianti per la sua stagione... DAL 59' SENSI 6 - Giochicchia a ritmi blandi, mantenendo il possesso del pallone ma senza particolari guizzi, tranne quando mette Hakimi in condizione di concludere. Spreca goffamente un bel pallone servitogli da Lukaku.

BROZOVIC 6,5 - Che sganciarsi non sia una pessima idea lo dimostra segnando la rete di vantaggio con un piatto in buca d'angolo. Evento che festeggia onorando il suo nuovo tatuaggio sul collo. Pulisce e ripropone numerosi palloni, gioca con la disinvoltura di chi si esibisce in spiaggia per puro piacere personale.

BARELLA 6,5 - In assenza di Eriksen è lui il secondo play al fianco di Brozovic. Con il radar sa sempre dove si trova Lukaku e lo lancia senza pensarci. Nel dubbio fa altrettanto con Sanchez. Sostanza e qualità al servizio dei compagni, senza strafare. Nel finale ha ancora energia per pressare alto.

PERISIC 6 - Ogni tanto Karsdorp dimentica che esiste anche una fase difensiva e gli lascia campo aperto, però il croato quasi sorpreso da tanta libertà non ne approfitta a dovere. Attento in fase difensiva quando l'olandese sale. DAL 59' HAKIMI 6,5 - Il suo ingresso si sita poco a causa dei ritmi bassi, appena l'Inter accelera però lui è lì pronto a farsi vedere. Uno spettacolo quando allo scadere va via come una gazzella e regala a Lukaku la gioia del gol: generoso.

SANCHEZ 6,5 - Davvero un peccato che la sua partita sia durata poco, aveva già offerto lampi di classe in appoggio a Lukaku. L'ultima giocata è un colpo di tacco che manda in porta Vecino: esce di scena con stile. DAL 35' MARTINEZ 5 - In campo a sorpresa a causa dell'infortunio di Sanchez, fatica a entrare in partita. Combatte, insegue gli avversari ma nella metà campo della Roma si fa spesso anticipare o frenare da chi gli va subito addosso. Piuttosto impreciso, Conte lo richiama in panchina e ottiene in cambio unaa reazione poco simpatica. DAL 77' PINAMONTI 6 - Ha poche occasioni, la più ghiotta gliela mette sul piede Darboe ma lui la spreca, subendo tra l'altro fallo dall'avversario.

LUKAKU 6,5 - Non è al massimo della forma, si vede nelle accelerazioni meno devastanti del solito. Eppure ha l'intelligenza di sapersi gestire e fare la differenza tatticamente. Impacchetta e mette il fiocco al gol di Vecino e sgomita come al solito. La generosità viene ripagata: Hakimi rinuncia al gol per regalarlo a Big Rom.

ALL. CONTE 6,5 - Peccato per la lite con Lautaro che macchia un po' una serata soddisfacente, con la 15esima vittoria consecutiva in casa e la conferma, anche contro un avversario di valore con un obiettivo da raggiungere, di non voler lasciare punti per strada neanche con la pancia piena. Undici titolare stravolto ma la resa è sempre ottimale, bravissimo a motivare tutti.


ROMA: Fuzato 6, Karsdorp 6,5 (dall'88' Bruno Peres sv), Mancini 6, Kumbulla 6, Santon 5, Cristante 6 (dal 77' Villar 5,5), Darboe 6,5 (dall'88' Carles Perez sv), Pellegrini 6, Mkhitaryan 6,5, Pedro 5,5 (dal 46' El Shaarawy 6), Dzeko 6.


ARBITRO: CHIFFI 5,5 - Una partita non difficile, pochi contrasti e scarso agonismo. Poi nel finale ignora un fallo di Darboe (già ammonito) in area su Pinamonti e il Var fa finta di nulla. Errore grave.
ASSISTENTI: Imperiale 6 - Bresmes 5,5
VAR: Pairetto 5

VIDEO - I M INTER: PRESENTATO IL BRANO PER LO SCUDETTO

Sezione: Pagelle / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 22:51
Autore: Fabio Costantino / Twitter: @F79rc
Vedi letture
Print