in primo piano

Il dottor Boesen rassicura: “Eriksen è stabile e sta bene, i test sono buoni”. Møller: “Christian è di buonumore”

Il dottor Boesen rassicura: “Eriksen è stabile e sta bene, i test sono buoni”. Møller: “Christian è di buonumore”

All'indomani del grande spavento, la Federcalcio danese fa il punto sulle condizioni di Christian Eriksen con una conferenza congiunta che vede protagonisti il ct Kasper Hjulmand, il responsabile del settore medico Morten...

Stefano Bertocchi

All'indomani del grande spavento, la Federcalcio danese fa il punto sulle condizioni di Christian Eriksen con una conferenza congiunta che vede protagonisti il ct Kasper Hjulmand, il responsabile del settore medico Morten Boesen e il direttore sportivo della DBU, Peter Møller. Ecco le dichiarazioni principali sulle condizioni del centrocampista dell'Inter.

BOESEN - "Ho parlato con Christian alcune volte durante il giorno ed è ancora stabile e sta bene, date le circostanze. È stato anche in contatto con i compagni durante il giorno. Deve ancora restare sotto osservazione in ospedale per ulteriori esami, ma i test che sono stati fatti finora sono buoni. Ci sentiamo. I giocatori e lo staff hanno ricevuto visite da psicologi sia ieri che oggi. Voglio lodare tutti per il modo in cui hanno gestito la situazione e spero che questo fatto possa essere usato come trampolino di lancio per andare d'accordo. Christian se n'era andato, praticamente era morto... Era in arresto cardiaco. Non so come abbiamo fatto a rimetterlo al mondo, è successo tutto in maniera così veloce. Io non sono un cardiologo, non posso scendere nei dettagli, per quello ci sono gli specialisti, esperti della materia. Non abbiamo ancora una spiegazione sul perché è accaduto tutto questo, in questo momento non so rispondere a questa domanda".

MOLLER - "Abbiamo parlato con Eriksen, che è di buonumore. Siamo stati in grado di sentire il fantastico calore e l'amore che è fluito dai danesi a Christian, alla sua famiglia e a tutti i giocatori. Abbiamo fatto un video-incontro con Christian e i giocatori gli hanno parlato. Christian è di buon umore. È un enorme sollievo per i giocatori dopo tutta quell'incertezza, ha fatto una grande impressione a tutti. Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con Christian e possiamo dire che sta bene, date le circostanze. Sono state ore terribilmente pesanti. Abbiamo ricevuto un aiuto incredibile dagli psicologi per la gestione delle crisi che c'è stata. I giocatori sono stati molto aperti e hanno mostrato il loro vero io. Ognuno di loro ha il proprio modo di affrontare la situazione e hanno ricevuto aiuto di conseguenza. Alcuni hanno avuto bisogno di parlare molto, altri no. Lo abbiamo anche gestito insieme. È stato bello vedere l'unità nella squadra, siamo una grande comunità. Non è perché devi fare parallelismi e confrontare situazioni, ma nel 1984 abbiamo vissuto un po' la stessa situazione con Allan Simonsen, che si è rotto una gamba nella partita d'esordio. Aveva lo stesso significato che Christian ha per noi. Questo è ovviamente molto peggio, ma poi la squadra si è alzata, ha battuto il Belgio nella partita successiva e ha conquistato il cuore di tutti i danesi. Sento già che questa squadra ha conquistato il cuore dei danesi. Potremmo aver perso la partita, ma i giocatori hanno mostrato quello che rappresentano. L'amore che è fluito verso i giocatori è molto apprezzato. Può sembrare un po' duro, ma la vita va avanti. Dobbiamo cercare di tirarci su l'un l'altro e superarlo nel miglior modo possibile. Ecco perché abbiamo anche ricevuto il miglior aiuto esterno possibile per andare avanti. Il ritorno in campo? La squadra non è stata costretta a fare nulla. E' stata una decisione difficile, abbiamo scelto di prenderla e di proseguire la partita. Nessuno può incolpare i giocatori, non ho sentito alcuna pressione da parte dell'Uefa, ma non sono sicuro che giocare sia stata la cosa più giusta. In futuro dobbiamo vedere, perché amiamo tutti il calcio, ma non è certo la cosa più importante del mondo".