La sospensione di quattro partite di campionato decisa a seguito dell'attuazione del decreto legge del Governo per fronteggiare l'emergenza coronavirus, e che ha visto coinvolto anche il match tra Inter e Sampdoria, porta alla luce la spinosa questione dei recuperi, per i quali appare difficile trovare una collocazione visto l'intrecciarsi degli impegni anche internazionali. Dallo stadio Olimpico, Giovanni Malagò, presidente del Coni, parla ai microfoni di Sky Sport non nascondendo le difficoltà: "Nella serata di ieri sera, sono arrivate le decisioni del governo dalle quali è nata la lettera del Coni con le indicazioni per Lombardia e Veneto, alle quali si è aggiunta oggi la decisione di sospendere Torino-Parma. L'obiettivo è nel breve termine ripristinare il tutto, so che ci sono dei problemi anche dal punto di vista delle tv, ma credo che questi problemi vadano messi in secondo piano. Poii c'è la questione dei calendari, che non sono regolati dal sottoscritto. Ci sono gli incastri con le coppe internazionali, ad esempio l'Inter giovedì deve giocare con il Ludogorets in Europa League poi ha la semifinale di Coppa Italia. Ho parlato con Beppe Marotta fino alle 2.30 di notte, oggettivamente si naviga a vista perché non si sa quanto andranno avanti nelle coppe, ma il rischio è che l'Inter non abbia un mercoledì o giovedì libero fino a maggio se dovesse andare avanti nelle due competizioni, fino all'eventuale finale di Coppa Italia, che è stata anticipata per Euro2020 Ci dobbiamo aggiornare, oggi una risposta non è possibile da trovare e non è serio nemmeno trovarla". 

Malagò commenta anche l'ipotesi di far giocare le partite a porte chiuse: "Il discorso è stato preso in considerazione dal Governo, ma ci sono due problematiche: la prima è che le società si dovevano far carico di tutto l'aspetto economico, la seconda è che se decidi a poche ore dalla partita di giocare a porte chiuse, con i gruppi di tifosi già sulle piazze e penso ai tifosi delle Curve, ci sarebbe un problema serio d'ordine pubblico. E' un discorso però che riguarda le Prefetture".

Sezione: Focus / Data: Dom 23 Febbraio 2020 alle 18:04
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print