Il destino di Dalbert resta incerto. Solo poche settimane fa la sua partenza era scontata, tant’è che Inter e Lione si erano sedute ad un tavolo proprio per capire la fattibilità dell’operazione. Col calciatore che vedeva di buon occhio il ritorno in Ligue 1, poi però non se n’è più fatto nulla. I transalpini si sono fermati ad un’offerta di poco meno di 15 milioni di euro, bonus compresi. L’Inter, che dovrà comunque versare una percentuale di circa il 20% dei soldi incassati dal trasferimento del ragazzo di Barra Mansa al Nizza, non aveva accettato tale proposta, continuando a chiedere più o meno 20 milioni.

Stop ai colloqui e trattativa quindi saltata, forse in modo definitivo. Tant’è che che il club di Aulas ha virato su altri profili, vedi Youssouf Kone dal Lille. Intanto però Dalbert si è messo sotto con gli allenamenti. Senza pensare al mercato o a quel che sarà. Deve prepararsi bene per la nuova stagione. E tornare su quei livelli che tanto lo avevano fatto apprezzare in Francia. Sebbene non sia un caso che Antonio Conte lo abbia schierato titolare nella partita contro il Manchester – evidentemente anche il mister salentino ha notato l’abnegazione e la voglia di fare del mancino – l’idea della società meneghina, condivisa in questo momento anche dall’atleta che vuole tornare a giocare con continuità, resta quella di un addio in questa finestra di mercato. La prova è che è previsto un incontro nei primissimi giorni di agosto tra il suo entourage e il Monaco, con possibile ed eventuale meta obbligata la sede della Beneamata in quel di Milano. Occhio però agli incastri di mercato riguardanti gli altri interisti. Con Perisic possibile partente non è da escludere a priori, soprattutto se Dalbert dovesse continuare ad impressionare Conte, che il tecnico pugliese punti, a sorpresa, su di lui. Difficile ma non impossibile. Soprattutto se il club del Principato, come il Lione in precedenza, non accontenterà le richieste economiche del Biscione

VIDEO - GABIGOL NON SI FERMA PIU' E BATTE ANCHE IL VAR

Sezione: Esclusive / Data: Mar 23 Luglio 2019 alle 14:30
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print