HANDANOVIC 7 - Sfortunato sul rigore, decisivo quando alza sopra la traversa un destro deviato di Masopust e chiude lo specchio all'esterno lanciato verso la porta da un errore difensivo. La vittoria è anche merito suo.

GODIN 7 - Gladiatorio, prestazione da Champions. Annulla Olayinka, che decide di girargli a largo. Non concede nulla nella sua zona, di testa domina e imposta con lucidità. Bentornato, Faraone.

DE VRIJ 6,5 - L'unica croce di una prestazione ancora molto pulita e solida è l'intervento su Olayinka che cancella il raddoppio di Lukaku e porta lo Slavia al pareggio. Nonostante l'intervento del Var, comunque, non sembrava un contatto così robusto da meritare la massima punizione. Peccato, perchénon sbaglia praticamente nulla.

SKRINIAR 6 - Elettrico, usa come al solito il fisico per intimidire l'avversario e si avventa su ogni pallone che transita sul centro-sinistra della difesa nerazzurra. Rischia per un eccesso di confidenza in palleggio e commette qualche fallo di troppo. Il lancio per la quarta rete (annullata) di Lukaku meritava altra sorte.

CANDREVA 6 - Troppo timido in entrambe le fasi. Prova a eseguire diligentemente quella di copertura, ben riparato alle spalle da Godin. Nell'altra metà campo però tende a sbagliare scelte e gli capita anche di sprecare un ottimo contropiede. Meglio nella ripresa, quando mette dentro due palloni invitanti.

VECINO 5,5 - Viaggia a intermittenza, non il massimo in fase di chiusura quando troppo spesso gli tocca inseguire l'avversario. Non a caso rimedia un giallo dopo un primo richiamo verbale. Avrebbe gli spazi per fare più male alla difesa biancorossa, non li sfrutta. DALL'80' ESPOSITO SV.

BORJA VALERO 6 - Qualche buona chiusura, ma è evidentemente in asincrono con i ritmi dei padroni di casa che gli passano di fianco ad alta velocità prendendolo in mezzo. Gli manca proprio l'abitudine alla partita, inevitabile per caratteristiche e per duratura assenza dalle contese. Eppure quando ha il pallone tra i piedi sa sempre cosa farne, soprattutto nella ripresa quando a gestirlo sono i nerazzurri. Handanovic lo salva da una palla persa sanguinosa. DAL 76' GAGLIARDINI 6 - Legna in mezzo al campo nel finale, prezioso sui palloni alti.

BROZOVIC 6 - Essere diretti non è come dirigere e tornare al ruolo di mezzala, interpretato nel passato contraddittorio prima dell'intuizione di Spalletti, non è piacevole. Si vede che porta troppo il pallone perché ha meno angolo visivo e che non è entusiasta del lavoro che gli tocca svolgere. Nonostante ciò prova a imprimere il suo marchio sulla gara, anche se solo a sprazzi. Scheggia la traversa, peccato.

BIRAGHI 5,5 - Olayinka a tratti e Masopust provano a creare superiorità numerica nella sua zona, il terzino riesce comunque a opporre resistenza anche se i cross che portano al pari e a un paio di altre occasioni ceche nascono dalla sua zona. Ordinato, anche se dovrebbe dare una mano più spesso a Skriniar quando lo slovacco è sotto pressione. DAL 76' LAZARO 6 - Da una sua verticalizzazione nasce la rete del 2-1, quanto basta per portare a casa il più inatteso degli assist.

MARTINEZ 8 - Mostruoso. Non gli basta segnaare un gran gol, manda anche in porta Lukaku sul raddoppio poi annullato. Infine, gli basta un velo per permettere al compagno di trovare la prima rete in Champions League in nerazzurro. Il manuale dell'attaccante moderno, fa davvero tutto e manda in tilt la difesa ceca fino all'ultimo, quando segna la seconda, spettacolare rete.

LUKAKU 8 - Due assist, un gol e altri due annullati quando già aveva esaurito il festeggiamento e una traversa clamorosa. Nella serata in cui finalmente si sblocca in Champions, decide di esagerare trascinando letteralmente la squadra al fianco di Lautaro con una prova totale. Un'autentica Bohemian Rhapsody: sponde, dribbling, sportellate, scatti. Una valanga contro i poveri difensori cechi.

ALL. CONTE 7,5 - Con il centrocampo sperimentale si affida ai suoi infallibili attaccanti. Nel primo tempo lascia troppo spazio all'avversario, ma serve un colpo di classe del Var per negare un comodo 0-2 all'intervallo trasformandolo in 1-1. Però è nel secondo tempo che alza il baricentro della squadra, mettendo in crisi il collega Trpisovsky. La rete di Lukaku è semplicemente giustizia divina, dopo due traverse e tante occasioni sprecate. Tiene illuminata la speranza di qualificazione Champions.


SLAVIA PRAGA: Kolar 6, Coufal 5,5, Kudela 5, Frydrych 5 (dall'82' Takacs sv), Boril 6, Soucek 6, Husbauer 6 (dal 70' Zeleny 5,5) Masopust 6, Stanciu 6,5 (dal 57' Traore 5,5), Sevcik 6, Olayinka 6. All. Trpisovsky 5,5


ARBITRO: MARCINIAK 6 - Gli basta una rapida occhiata al monitor per decidere in favore del rigore. Magari visto il tipo di contatto avrebbe potuto valutarlo da più angolazioni e forse avrebbe deciso diversamente. La gara è spigolosa, lui la gestisce dando a tutti una seconda chance prima del giallo. Nel complesso non scontenta nessuno.
ASSISTENTI: Sokolnicki 5,5 - Listkiewicz 6

VIDEO - SLAVIA-INTER, TRAMONTANA ESULTA CON UNA BANDIERA NERAZZURRA IN STUDIO

Sezione: Pagelle / Data: Mer 27 novembre 2019 alle 23:00
Autore: Fabio Costantino / Twitter: @F79rc
Vedi letture
Print