Gianluca Rocchi ha concesso un'intervista alla Gazzetta dello Sport. Tra gli argomenti principali, la prossima stagione (per lui l'ultima prima dello stop per ragioni anagrafiche) e il Var. "L’avessi avuta ai miei tempi, quante notti insonni avrei evitato. Un arbitro, quando sbaglia, ci sta male. Ma è il modo migliore per crescere - dice Rocchi - E' una ciambella di salvataggio, un modo per evitare di farsi male. Uno strumento, però, che va gestito nel modo giusto. La Var è un supporto all’arbitraggio, non può essere il contrario. Chi va in campo deve restare centrale, e per farlo deve arbitrare bene. Cosa significa? Prendere decisioni. Assumersi la responsabilità, senza tentennamenti. Così il Var diventa marginale. Se invece non lo facciamo, mandiamo in difficoltà il collega al video, perché gli diamo un onere eccessivo. Noi in competizione con la Var? Ma no, non è così. Però siamo essere umani, e ci sono rapporti personali in campo. La relazione tra il direttore di gara e il Var dovrebbe essere soltanto professionale, ma poi capita che un giovane “varista” abbia qualche timore a correggere il grande arbitro, e il grande arbitro qualche premura a non mandare in difficoltà un giovane collega, facendogli notare dopo 5’ che ha già commesso un errore. È umano, ed è anche per questo che chi va in campo deve avere il coraggio di decidere. Nicola (il designatore Rizzoli, ndr) sta martellando su questo tasto, io sono d’accordo. Del resto, anche a me lo scorso anno è capitato di mettere in difficoltà il collega al Var".

Detto che il prossimo sarà "un campionato bellissimo, e più competitivo secondo me" le nuove regole sui falli di mano, spiega Rocchi, "ridurranno ulteriormente il margine di discrezionalità. Un braccio alto, o un movimento innaturale, sarà sempre rigore".

VIDEO - WESLEY SNEIJDER SI RITIRA, QUANTE MAGIE PER IL FOLLETTO DI UTRECHT

Sezione: Rassegna / Data: Mar 13 Agosto 2019 alle 14:56
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print