HANDANOVIC 6 – Solo Lazovic prova a creare qualche grattacapo, dopo un paio di svarioni naif vede la sua partita scorrere liscia con interventi quasi basilari.

D’AMBROSIO 6,5 – Gioca con un’ammonizione precoce sul groppone, ma riesce a gestirsi con l’esperienza. Nel primo tempo il Grifone prova a farsi vivo usando sempre il suo binario, poi pochi problemi.

DE VRIJ 6,5 – Il Genoa non si fa vedere molto, il lavoro di contenimento è comunque abbastanza facile. Brilla magari un po’ meno di Skriniar ma garantisce sostanza.

SKRINIAR 7 – Molto bene in controllo su Kouamé, sempre tempestivo nei suoi interventi. E nella ripresa si concede anche una bella zingarata nella metà campo avversaria portandosi a spasso tre difensori.

DALBERT 7 – Offre un buon contributo, riesce abilmente a togliere le castagne dal fuoco in una situazione di panico creata da… Handanovic. Gioca semplice con alcuni picchi strappa-applausi, molto bene nelle diagonali.

GAGLIARDINI 8 – Un inizio un po’ incerto poi la zampata che vale il gol del vantaggio. Rete che vale per lui come una scarica da 2mila volt: da quel momento sbaglia poco e niente, guida il centrocampo con personalità e non contento si prende pure il gusto della doppietta personale. Polenta per tutti.

BROZOVIC 7 – L’inamovibile croato spiega a tutti i presenti che la fatica per lui è un concetto remoto. Presente in ogni dove, sa sempre dove e a chi consegnare la palla. DALL’87 NAINGGOLAN 6 - Il tempo e il gusto di tornare dopo pochi giorni dall'infortunio e di siglare il gol di Maramaldo. 

POLITANO 7,5 – Svaria su tutta la trequarti, ci mette il suo consueto quantitativo industriale di corsa. E a tutto questo aggiunge un tempismo da rapace che lo porta al gol del raddoppio. Una spina nel fianco della difesa genoana che per fermarlo deve provare con le maniere forti. Altri spunti interessanti prima di uscire, per una prova di altissimo livello. DAL 58’ KEITA 6 – Entra a risultato praticamente acquisito, prova a guadagnarsi la pagnotta con un paio di spunti interessanti.

JOAO MARIO 8 – Galvanizzato dalla prova dell’Olimpico, il portoghese ci tiene a riconquistare il pubblico di San Siro. E allora, eccolo farsi il proverbiale mazzo in ambedue le fasi, regalare un assist vincente a Gagliardini e proporsi anche in chiusura. Sprazzi di gioco a tratti esaltante per un altro elemento che nemmeno troppo tempo fa era un separato in casa. Il giusto premio è il gol che chiude i conti, col quale completa la missione applausi. Bentornato.

PERISIC 7  – Tiene bene il campo e rende vivace l’attacco anche con alcuni anticipi importanti. Sfiora il gol in apertura, propizia il tris di Gagliardini; pericolo costante. DAL 76’ BORJA VALERO SV

LAUTARO MARTINEZ 6 – Sua la prima occasione del match dopo pochi istanti di gara. Dimostra il solito spirito battagliero che gli costa anche un giallo (ma prima ci sarebbe un fallo ai suoi danni non rilevato da Valeri), ma a tratti pecca un po’ di lucidità anche per via delle continue mani addosso dei difensori rossoblu. Meriterebbe di più.

ALLENATORE: SPALLETTI 8 – Il copione visto all’Olimpico era talmente tanto bello che sembrava un peccato stravogerlo. Specie se anche gli altri interpreti chiamati a salire sul palco dimostrano di avere imparato bene la parte. Nuova prestazione sontuosa dell’Inter formato 4-3-3, che mette subito all’angolo il Genoa non facendolo uscire più. E ulteriore segnale di forza della squadra che anche quando toglie il piede dall’acceleratore non perde mai la concentrazione e anzi sembra non accontentarsi fino a che non fosse arrivato il quarto gol. E il fatto che a segnarlo sia Joao Mario sembra un ulteriore segno del destino. La ciliegina di Nainggolan completa l'opera.

GENOA: Radu 5; Biraschi 5,5, Romero 4,5, Günter 4,5; Pereira 5,5, Romulo 5 (80’ Omeonga sv), Sandro 5 (58’ Miguel Veloso 5), Bessa 5, Lazovic 6; Pandev 5 (51’ Piatek 5), Kouamé 6. Allenatore: Juric 4,5.

ARBITRO: VALERI 6 – Perlomeno curiose le valutazioni di alcuni contrasti, in particolare su Lautaro Martinez. Però nel complesso tiene bene le redini dell’incontro. Ok i cartellini.

ASSISTENTI:  PRETI 6 – CECCONI 6.

VIDEO - DA UNO A CINQUE: LA "MANITA" ESALTA TRAMONTANA

Sezione: Pagelle / Data: Sab 3 Novembre 2018 alle 16:58 / Fonte: Dall'inviato a San Siro
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print