Calciatore dai piedi raffinati e dai polmoni d’acciaio. Businessman. Impegnato nel sociale. Semplicemente epico. Da quando Marcelo Brozovic è stato schierato nel cuore del centrocampo nerazzurro ha convinto tutti. Faro e metronomo della Beneamata, Epic Brozo è risultato essere di straordinaria importanza per l’Inter. Per capire l’evoluzione di uomo e giocatore FcInterNews ha intervistato in esclusiva il suo procuratore Miroslav Bicanic.

Marcelo è davvero una persona nuova. È diventato padre e in campo le sue prestazioni sono state di assoluto livello. Cosa è cambiato nella sua testa?
"Quando si è sposato e ha avuto una bambina si è responsabilizzato. Ha riconosciuto l’importanza dell’essere diventato papà. Sua moglie e sua figlia gli danno trasmesso una forza reale. I tifosi dell’Inter lo avevano fischiato in passato. Adesso è un idolo".

Immagino si tratti di una bella soddisfazione…
"Ha sempre giocato per i nerazzurri con il cuore. Ma solo in questa stagione tutti i pezzi del puzzle sono stati uniti e i tifosi hanno riconosciuto il tutto".

A gennaio è stato molto vicino al Siviglia. Perché è rimasto a Milano?
"Per fortuna il club non ha trovato un suo sostituto e a lui è bastato giocare con continuità".

Marcelo è molto bravo con i social. Ha scritto che sarebbe andato in Champions con l’Inter e ha avuto ragione…
"Ha una mentalità vincente. Sono felice che abbia mantenuto la promessa".

Spalletti ha detto ai media di puntare su di lui anche per la prossima stagione. Brozovic ha la stessa idea del mister?
"A Marcelo piace essere un giocatore importante dell’Inter. Adesso giocheranno la Champions League. Ha comprato un appartamento a Milano e considera il capoluogo lombardo come casa sua".

Tutto sembra essere ok. Nel suo contratto è inserita una clausola da 50 milioni. Potrebbe rinnovare il suo contratto togliendo questa postilla?
"Sì, è vero. C’è questa clausola. Quindi se qualche club volesse pagarla potrebbe andarsene. Ma si può anche dire che un nuovo contratto sarebbe un’ipotesi accettabile, anche se finora nessuno del club ha espresso quest’idea".

Dovesse però giocare un grande Mondiale attrarrebbe ancora le attenzioni di molti club su di lui. Quindi quale potrebbe essere il suo futuro?
"Russia 2018 è un ulteriore stage per mostrare la sua ottima stagione. Per mettersi alla prova a livelli internazionali".

È un businessman. Ha un bar in Croazia e vende magliette con il suo logo in tutto mondo. È quindi concentrato, e bene, non solo nel mondo del calcio...
"Con questi tipi di opere, Marcelo ha dato la possibilità ai membri della sua famiglia di lavorare insieme, per questo dico che è concentrato al 100% solo sul calcio. E aggiungo che si impegna anche in questioni umanitarie. Aiuta i bambini. Semplicemente non vuole farsi pubblicità con questo".

Chiudiamo con l’esultanza. Lei sa come è stata creata?
"Un qualcosa di spontaneo, consentiamoglielo".

VIDEO - PORTOGALLO-TUNISIA, GRAN GOL DI JOAO MARIO

Sezione: Esclusive / Data: Mar 29 maggio 2018 alle 11:10
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print