La Gazzetta dello Sport torna sullo sfogo clamoroso di Romelu Lukaku ai microfoni di SkySport e spiega come per l'Inter, pur volendo, la missione di riportarlo a Milano sia davvero impossibile.

"Lukaku nell'agosto scorso si è trasferito al Chelsea per 115 milioni di euro più bonus, lasciando l’Inter dopo due stagioni: si tratta della cessione più ricca della storia del club nerazzurro. Al Chelsea, con il quale si è vincolato fino al 2026, Lukaku guadagna 12 milioni netti a stagione. Nel contratto non ci sono clausole - sottolinea la rosea -. L'Inter insomma per prendere Lukaku a gennaio dovrebbe pagare 6 milioni per pochi mesi. Difficile infatti pensare che Big Rom accetterebbe una riduzione dell'ingaggio. Il tutto poi passerebbe da una scelta folle del Chelsea, che dopo avere pagato una cifra folle non avrebbe motivo alcuno per cedere in prestito - per di più gratuito - un elemento così importante. Molto più facile che dirigenza e allenatore dei Blues facciano al belga un bello "shampoo" per andare avanti insieme. Ma se anche si verificassero una serie di improbabilissime combinazioni sul fronte economico, l'Inter non avrebbe alcun interesse a toccare un meccanismo che Inzaghi ha messo insieme con cura e fatica". Per la Gazzetta, quindi, rivedere il belga in nerazzurro subito è pura immaginazione. Fantacalcio.


Poi il quotidiano sottolinea il peso di Roc Nation, l'etichetta discografica fondata da Jay-Z nel 2008 e in seguito diventata anche agenzia di talenti, scuola, linea di abbigliamento, touring, produzione, gestione, relazioni con i media, editoria e filantropiala. Proprio per Roc Nations, Lukaku nel 2018 ha lasciato Mino Raiola per diventare lui stesso un brand internazionale. E sarebbe proprio l'azienda - più dell'entourage e del Chelsea - ha dettare la linea al centravanti.

Sezione: Copertina / Data: Sab 01 gennaio 2022 alle 10:30
Autore: Alessandro Cavasinni
vedi letture
Print