Terza presenza stagionale con l'Inter per Piero Giacomelli, designato dall'Aia per arbitrare la gara di San Siro tra i nerazzurri e la Fiorentina. Una sfida tra due squadre 'tranquille' a livello di classifica ma che in campo danno tutto per superarsi producendo qualche episodio da moviola. Non sempre valutato correttamente dal fischietto di Trieste, che dissemina qua e là delle sbavature evitabili in una direzione comunque positiva. 

1' - Netto l'offside di Cutrone, scattato oltre la linea difensiva interista sul tocco in area di Venuti. 

4' - Spintarella di Ribery ai danni di D'Ambrosio, comunque decisiva per fargli perdere l'equilibrio: punizione giusta per l'Inter sulla trequarti. 

5' - Flipper in area con un sospetto tocco di mano di Duncan: dopo un rapido check con Banti in sala Var, Giacomelli rimane con la decisione presa live di assegnare il calcio d'angolo e non il rigore. In effetti, guardando il replay, la palla carambola sul petto dell'ex canterano nerazzurro. 

18' - Posizione dubbia di Lukaku quando prende l'ascensore e corregge sul palo il bell'invito di Eriksen dalla sinistra. In caso di gol, ci sarebbe stato lavoro per Banti. 

27' - Scontro aereo durissimo Venuti-Young, che collidono in un testa contro testa in piena area. Giacomelli prima lascia correre poi arresta il gioco - come da regolamento - per agevolare i soccorsi. 

29' - Caceres, di slancio, colpisce con un calcione la gamba destra di D'Ambrosio dopo aver spazzato il pallone in fallo laterale. Manca un calcio di punizione in favore dell'Inter e la conseguente ammonizione per il difensore uruguaiano, imprudente nella circostanza.  

34' - Azione buona quella che porta Lukaku a calciare addosso a Terracciano da posizione privilegiata.

39' - Conte vorrebbe un cartellino giallo per Pezzella, autore di un fallo a centrocampo su Sanchez. Contrasto onesto, in leggero ritardo, ma che non interrompe un'azione promettente. 

43' - Sacrosanta la prima ammonizione della partita: ruvida la scivolata con cui Ribery abbatte Barella. Giacomelli prende la decisione corretta, ma nel momento sbagliato visto che avrebbe dovuto concedere il vantaggio a Sanchez. 

SECONDO TEMPO -

50' - Non vale il gol dell'Inter. La bandierina del gurdalinee si alza subito per segnalare la posizione netta di offside di Candreva sul cross di Young. 

54' - Castrovilli entra in ritardo su Barella: Giacomelli comanda la punizione dal limite dell'area per l'Inter ma tiene in tasca il cartellino giallo. Sbagliando. 

57' - Alla fine, in ritardo di 3', arriva l'ammozione per Castrovilli: evidente la trattenuta del giocatore viola su Gagliardini, lanciato a tutta velocità nella metà campo avversaria. Da terra poi c'è un altro contatto, ma il replay non chiarisce l'entità del gesto del numero 8 gigliato. 

63' - Gagliardini è oltre tutti prima di colpire di testa a lato. Il guardalinee non sbandiera inspiegabilmente il fuorigioco.

65' - Scontro fortuito tra Ranocchia-D'Ambrosio, con quest'ultimo che ha la peggio e rimane a terra intontito. Giacomelli ferma il gioco dopo aver fischiato il fallo di sfondamento di Caceres. 

76' - Un po' di nervosismo in campo dopo il giallo mostrato da Giacomelli a Barella, per un fallo su Ghezzal. Pezzella è il più agitato, ma il provvedimento è corretto perché il piede dell'ex Cagliari - diffidato, salterà il Genoa - rimane sempre basso. 

79' - Proteste evidente di Caceres, ammonizione inevitabile. 

80' - Barella cade in area dopo un tentativo acrobatico di raggiungere il cross di Young, reclamando il calcio di rigore per una presunta trattenuta di Castrovilli. Dal replay si nota che l'entità della stessa sul braccio del centrocampista nerazzurro non giustifica quella caduta. Giusta l'interpretazione live dell'arbitro.

90' - Pezzella, in area, viene centrato sul petto da un tiro di Lautaro, che timidamente alza le mani per chiedere un rigore. Peraltro, in precedenza, il difensore viola era finito a terra dopo un fallo in attacco di Lukaku. 

Sezione: Moviola / Data: Gio 23 luglio 2020 alle 00:55
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print