Il 3-1 al Brescia ha restituito tranquillità al Torino, prossimo avversario dell'Inter. Urbano Cairo, presidente granata, ha parlato alla Gazzetta dello Sport,

Presidente Urbano Cairo, dopo questa vittoria contro il Brescia che tipo di bilancio si può tracciare?
"Direi che il bilancio della serata è assolutamente positivo. Non nascondo di essere soddisfatto. La squadra è stata compatta, unita, convinta: tutti valori importanti. E adesso è fondamentale preservarli per le prossime partite".

Lei crede che, a questo punto, il suo Toro abbia fatto un passo importante verso il raggiungimento dell’obiettivo?
"Direi che un bel passo è stato fatto, ma aggiungo subito che dobbiamo restare con i piedi per terra, continuando a lavorare con determinazione, come stiamo facendo, per poter fare ulteriori punti nelle prossime partite. Ad esempio, già lunedì sera, a San Siro contro l’Inter, sarà molto importante giocare una grande partita ed essere protagonisti di una bella prestazione".

Ripensando a tutte le sei partite giocate dal Toro dopo la ripartenza, dal pari casalingo contro il Parma in poi, secondo lei in che cosa il Toro di oggi si differenzia dalla sua versione prima del Covid?
"La squadra ha ritrovato fiducia, e questo mi sembra l’aspetto principale. Pensiamo alla sfida contro il Parma, che meritavamo di vincere, nella quale la squadra fino all’ultimo minuto ci ha provato e ha avuto anche molte occasioni. Dopo, con l’Udinese, si è rivista la compattezza, a Cagliari abbiamo fatto un buon secondo tempo e quasi riuscivamo nella rimonta. Anche contro la Lazio, tutto sommato, siamo stati bravi, penalizzati da un po’ di sfortuna con l’autogol decisivo sul tiro di Parolo. Sul 2-1 ce la stavamo giocando pure in casa della Juve: tutto questo per dire che la squadra ha ritrovato sé stessa. Lo ha dimostrato anche contro il Brescia, dove ha saputo ribaltare una partita che si stava mettendo male".

Adesso che cosa si aspetta?
"Dobbiamo mantenere compattezza e voglia: a San Siro sarà una gara importante. Anzi, importantissima: non è il caso di pensare al Genoa, prima concentriamoci sull’Inter. Possiamo e dobbiamo fare bene".

Sezione: L'avversario / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 10:56 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print