José Boto può essere considerato lo scopritore di tanti talenti dello Shakhtar Donetsk, prossimo avversario dell'Inter in Champions League. Il direttore sportivo degli ucraini ha parlato in esclusiva a Tuttomercatoweb.com.

Lo Shakhtar arriva all'impegno con l'Inter dopo l'impresa di Madrid.
"Un big shock, senza dubbio. Ancor più speciale perché siamo andati in Spagna senza ben undici giocatori, ma i ragazzi sono stati fantastici dimostrando le proprie qualità e quel che possono fare in futuro".

Siete un club sempre più da Champions. Credete di passare, dunque, nel girone con Real e Inter?
"È dura, è vero, ma dobbiamo provarci senza ombra di dubbio".

Lo Shakhtar è sempre più uno 'scouting team'. È d'accordo? E qual è il vostro segreto per scoprire così tanti giocatori?
"E questo non accade solo da quando ci sono io, ma è sempre stato così. Lo Shakhtar lavora da sempre bene, in profondità, per quanto riguarda lo scouting".

Però questa estate non avete fatto acquisti.
"Per più ragioni. La situazione del mondo con la pandemia, poi il calendario: tante partite senza tempo per far adattare i nuovi senza una preseason. E poi un altro motivo, alla base di tutto".

Quale?
"Abbiamo grande, grandissima fiducia nella nostra squadra".

Che ora sfida l'Inter.
"Una formazione forte, dura, una delle migliori al mondo a livello tattico".

Crede che possa riuscire a togliere la Juventus dal trono in Italia?
"Il livello del calcio italiano è cresciuto, per la Juventus sarà senza dubbio più difficile. Squadre come Inter, Atalanta e Milan, possono farla soffrire, però dico che c'è una squadra che mi piace davvero vedere in Italia adesso: è il Sassuolo, per le idee tattiche, per il modo brillante di interpretare il calcio".

VIDEO - GENOA-INTER, TRAMONTANA TORNA AD ESULTARE PER "ROMELUUU"

Sezione: L'avversario / Data: Lun 26 ottobre 2020 alle 13:31 / Fonte: TMW
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print