"La squadra reagisce ogni volta. Con la Fiorentina la partita è nata male ma la dobbiamo archiviare e pensare alla prossima gara con l'Inter. Sarà una partita tosta ma bella". Intervenendo in conferenza stampa in quel di Bogliasco, Claudio Ranieri, tecnico della Samp, guarda al prossimo impegno di campionato contro la squadra di Conte, quello in cui spera di riscattare il brutto ko di domenica scorsa.  

"Gli alti e bassi non credo siano un problema di mentalità - spiega Ranieri -. Con la viola siamo partiti col piglio giusto, succede: è un'annata di alti e bassi. Serve equilibrio. Sarà una battaglia fino all'ultima partita. Domenica servirà una Sampdoria perfetta, con tanta voglia di fare, di essere compatti e saper attaccare al momento giusto. Dovremo saperci difendere perché l'Inter fa molto movimento, ha due esterni che spingono bene e ha grandi saltatori. Sappiamo la forza d’urto che l'Inter ha: siamo preparati". 

L'allenatore blucerchiato, poi, si concentra su Christian Eriksen, che ieri ha trovato il suo primo gol in nerazzurro aprendo le marcature nella vittoria contro il Ludogorets: "Eriksen è un grandissimo giocatore. Se lui è un problema, chiudiamo col calcio".

Il focus si sposta sugli avversari: "Perdere a San Siro ci sta, bisogna vedere come ma non ci arrenderemo. Fino alla fine saremo in campo Servirà cinismo: se ci capita un'occasione, dobbiamo sfruttarla. Quella è la partita perfetta, solo così possiamo uscire da San Siro con un risultato. Sbagliando poco, stando concentrati ed essere compatti nei reparti".

Si parla dei singoli: "Depaoli a me piace molto perché ha una frequenza di passo notevole, resistente. Ha buona tecnica in velocità. Audero?
Nessuno della squadra dà addosso ai compagni. Nell'ambiente, quando si prendono tanti gol, la colpa è spesso del portiere. Io ho fiducia in lui. E' giovane, ha una carriera brillante davanti a sé. La forza dei portieri deve essere l'autostima e lui deve saper reagire. E' un ragazzo giovane ha vissuto momenti d'oro ad inizio carriera. Questa è una pietra miliare perché si sente sotto esame. Ora lo conosco ancora di più gli dico che deve sentirsi amato, coccolato e sarà lui a tirarci fuori dalle sabbie mobili".

VIDEO - ERIKSEN MANIA ALLA LUDOGORETS ARENA, SELFIE E AUTOGRAFI PER IL DANESE

Sezione: L'avversario / Data: Ven 21 Febbraio 2020 alle 13:24
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print