Non si ferma il momento no del Cagliari, eliminato dalla Coppa Italia per mano dell'Inter dopo le quattro sconfitte consecutive registrate in campionato. Uno stop che Rolando Maran, tecnico dei sardi, commenta così di fronte ai giornalisti presenti nella sala stampa di San Siro: "C'è un momento in cui dire basta, io sono convinto che sia questo. Non ci eravamo mai messi la partita in salita da soli così in fretta, vuol dire che questo deve darci la capacità di leggere le situazioni per non metterci in difficoltà. Il gol preso ci ha tramortito per un tempo intero, questi episodi ti tolgono fiducia; noi dobbiamo reagire, essere capaci di affrontare la cose di petto. Ora siamo usciti dalla Coppa con l'Inter, domenica ripartiamo in campionato dal sesto posto: dobbiamo ricordarci della nostra posizione, sapendo che dobbiamo consolidarci".

Avete tanta qualità, ma nelle vostre vittorie avete messo impeto: ora c'è un problema di testa?
"Il finale di partita ci ha visto crescere nella prestazione, questa cosa è il segnale che abbiamo carburante e dobbiamo essere bravi a ritrovare ciò che abbiamo smarrito. Dobbiamo ritrovarla stanotte sull'aereo". 

Nelle ultime 7 partite avete incassato 16 gol: si è persa la bussola in difesa...
"Va affrontato il momento davvero, devo incidere in maniera forte per cambiare il trend".

L'impatto con l'Inter ha influito? Che gara sarà in campionato?
"L'Inter ha un'identità ben precisa, una grandissima costruzione: riescono sempre a metterti in difficoltà. Ecco perché non dovevamo andare sotto per colpa nostra. Tra 12 giorni quando li incontreremo di nuovo ci penseremo, ma ora c'è il Brescia che è come una finale".

Sezione: L'avversario / Data: Mar 14 gennaio 2020 alle 23:37 / Fonte: dall'inviato a San Siro
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print