Un ritorno di fiamma a esattamente un anno di distanza. Arturo Vidal e l’Inter potrebbero convolare a nozze dodici mesi dopo il flirt dell’estate 2018. Quella in cui il cileno è stato davvero a un passo dall’indossare la maglia nerazzurra. Accordo con il Bayern Monaco e King Artù già chiuso, prima del dietrofront di Suning che ha preferito destinare su Keita Balde l’ultimo slot da extracomunitario disponibile. Col senno del poi, ma è facile a dirsi, la scelta non ha pagato. Neppure quella di Vidal di sbarcare al Barcellona.

Per un tuttocampista come l’ex Leverkusen e Juve il Tiki Taka catalano difficilmente può esaltarne le caratteristiche da assaltatore. Quelle che fanno impazzire un certo Antonio Conte. Feeling speciale tra i due, ricambiato da parole al miele da parte di Arturo nei confronti del tecnico che ha segnato la svolta della sua carriera. “Lo seguirei ovunque, anche in guerra”, ha dichiarato qualche tempo fa il cileno. Detto, fatto? Probabile perché dalla Catalogna Vidal e il suo agente Fernando Felicevich hanno mandato più di un segnale di apertura verso il ritorno in Italia. La Serie A gli manca e vorrebbe tornare alle dipendenze del vecchio maestro. Conte - già 15 giorni fa - ha aperto a questa possibilità. L’addio di Nainggolan che farà il paio con quello di Borja Valero e quello di Joao Mario renderà necessario un innesto a metà campo. Chi meglio di Vidal a fine agosto e in prestito secco?

Da Barcellona filtrano segnali di apertura verso questa soluzione, dato che Vidal è stato inserito nell’elenco dei cedibili dall'allenatore Ernesto Valverde e ha manifestato la voglia di una nuova esperienza. E con due mensilità già pagate dal Barcellona (luglio e agosto) anche l’ingaggio diverrebbe meno proibitivo (7 milioni da settembre a giugno). Insomma, la pista Vidal resta viva e può accendersi a fine agosto. Perché - si sa - certi amori fanno giri immensi e poi ritornano...

VIDEO - TOTTENHAM-INTER, NERAZZURRI TORNATI IN ITALIA: SELFIE E FOTO CON I TIFOSI

Sezione: Esclusive / Data: Lun 5 Agosto 2019 alle 20:27
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print