HANDANOVIC 6,5 - Il Bologna gli tira a lungo solo da fuori area, e sono palloni facilmente leggibili. Normale amministrazione fino al blackout in area che porta al facile gol a porta vuota di Vignato. Era una serata da clean sheet, peccato. Fa la sua parte, soprattutto a tempo scaduto con due interventi nel giro di pochi secondi.

SKRINIAR 6,5 - Gli tocca tallonare Palacio ben oltre la sua area di competenza: no problem, el Trenza non soffre mai di solitudine. Hakimi non lo aiuta come dovrebbe nelle chiusure e lo slovacco cerca di guidarlo per non trovarsi a dover chiudere su due avversari. Barrow transita spesso dalle sue parti, ma raramente ne esce con il sorriso.

DE VRIJ 6 - Prestazione seria, senza troppi fronzoli. Raramente il Bologna entra nell'area nerazzurra e in quelle circostanze l'olandese è sempre lì. Preso dalla morsa del caos in occasione del momentaneo 1-2 di Vignato, è solo un singolo episodio nel contesto di una gara tranquilla.

BASTONI 6 - Meno avventuriero del solito nell'altra metà campo, bada essenzialmente al sodo e non corre rischi. Bene negli anticipi e nel gioco aereo, sempre al suo posto fino al gol del Bologna che lo vede beffato dal talento di Palacio. DALL'83' D'AMBROSIO SV.

HAKIMI 7 - Protagonista assoluto della serata. Dietro evidenzia ancora lacune tattiche, devono essere i compagni in campo a indirizzarlo anche in modo plateale. Davanti però è letteralmente devastante, la versione Borussia Dortmund che ha entusiasmato l'Europa. Doppietta a tutta velocità, pesantissimo il secondo gol prima di uscire. DAL 71' DARMIAN 6 - Dopo l'exploit in Champions lascia il proscenio a Hakimi in una staffetta tra due grandi protagonisti. Sufficienza di stima, perché dopo il 3-1 la gara perde contenuti e agonismo.

VIDAL 6,5 - Disciplinato, ordinato ma sempre combattivo. Gestisce con raziocinio le energie e fa la sua parte, toccando numerosi palloni e coprendo la sua zona di competenza. Nella sua posizione ideale è tornato a essere il tassello prezioso che mancava a questa squadra. Splendida l'apertura per Hakimi che scaccia la paura. DAL 71' BARELLA 6 - Eredita i compiti di Vidal e non lo fa assolutamente rimpiangere. Sempre il primo ad arrivare sui palloni vaganti.

BROZOVIC 7 - Pulisce decine di palloni e li ricicla in giocate intelligenti e logiche. Spesso trattiene il pallone più del dovuto, ma lo fa perché non ha alcuna voglia di forzare e non gli si può dare torto. Il pallone in verticale per Hakimi strapperebbe applausi anche a Pirlo. Rigenerato dopo la pausa forzata.

GAGLIARDINI 6,5 - Utile tatticamente, perché mette sempre il fisico quando il Bologna prova a salire a destra con De Silvestri o Soriano, interessante quando riempie l'area avversaria creando più di un grattacapo ai centrali e ai centrocampisti felsinei che faticano a seguirlo. Sta bene, è in condizione ideale e i risultati si vedono.

PERISIC 6 - Il vantaggio nasce da un suo spunto a sinistra, non numerosi come quelli che si concretizzano a destra ma sempre insidiosi. Diligente nell'interpretazione del ruolo, non lascia nulla al caso quando c'è da arretrare e occupa ottimamente la propria zolla di campo. Gli è servito del tempo, ma ha appreso i nuovi incarichi tattici.

SANCHEZ 6,5 - Più trequartista che seconda punta, quando ha il pallone quasi è infastidito dalla giocata semplice e spesso la bypassa trattenendolo. Un po' naif, ma è uno spettacolo il modo in cui difende il pallone fisicamente e tecnicamente. Lukaku non gli dà la soddisfazione dell'assist sprecando il raddoppio, nella ripresa il cileno fa altrettanto. In gran spolvero. DAL 91' ERIKSEN SV.

LUKAKU 6,5 - Nell'azione del gol sembra Gulliver in mezzo ai lillipuziani. Non c'è davvero modo di contenerlo, per chiunque lo affronti è un vero e proprio crash test. Peccato che sprechi la doppietta due volte a tu per tu con Skorupski. Non è devastante come a Mönchengladbach, ma è sempre un punto di riferimento per i compagni. DAL 71' MARTINEZ 6 - Ingresso con lo spirito giusto, vuole sfruttare il poco tempo a disposizione per timbrare il cartellino. Buona intesa con Sanchez e rete sfiorata.

ALL. CONTE 6,5 - Supera brillantemente un'autentica trappola piazzata in mezzo al tentativo di impresa europeo. Il turn over, non certo forsennato, paga dividendi e finalmente applaude lo strapotere offensivo di Hakimi (c'è da lavorare in difesa però). I ragazzi giocano con concentrazione una partita estremamente pratica e cinica. L'idea di gestire le energie e sfruttare le qualità degli interpreti ha accantonato il tentativo di costruire una nuova filosofia. Meglio così. Unico appunto: Eriksen ancora per pochi minuti sa molto di accanimento.


BOLOGNA: Skorupski 6,5, Medel 5,5 (dal 63' Dominguez 5,5), Danilo 5,5, Tomiyasu 6, De Silvestri 6, Svanberg 5,5 (dal 63' Vignato 6,5) Schouten 6, Hickey 6 (dal 63' Khailoti 6) Soriano 6, Barrow 5,5 (dal 79' Rabbi sv), Palacio 6,5 (dal 79' Vergani sv). All. Mihajlovic 5,5


ARBITRO: VALERI 6 - Unico dubbio un placcaggio di Danilo su Lukaku in avvio di ripresa, ma lui mostra assoluta sicurezza nel lasciar proseguire. Dirige bene, non commette errori gravi e non scontenta nessuno, approfittando di un'interpretazione corretta del match da parte di entrambe le squadre.
ASSISTENTI: Bresmes 6 - Preti 6
VAR: Irrati 6

VIDEO - NERAZZURLI - HAKIMI FA CANTARE TRAMONTANA

Sezione: Pagelle / Data: Sab 05 dicembre 2020 alle 22:41
Autore: Fabio Costantino / Twitter: @F79rc
Vedi letture
Print