news

Il prof. Andreini: “Eriksen? Non prima di sei mesi sarà possibile capire se il defibrillatore potrà essere espiantato”

Il prof. Andreini: “Eriksen? Non prima di sei mesi sarà possibile capire se il defibrillatore potrà essere espiantato”

Il professor Daniele Andreini, cardiologo e responsabile di Monzino Sport, prova a descrivere le prossime tappe di Christian Eriksen ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: "Partiamo dal primo aspetto: è stato impiantato un...

Stefano Bertocchi

Il professor Daniele Andreini, cardiologo e responsabile di Monzino Sport, prova a descrivere le prossime tappe di Christian Eriksen ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: "Partiamo dal primo aspetto: è stato impiantato un dispositivo sottocutaneo, meno invasivo di quello classico. Viene riservato ai soggetti più giovani che non hanno bisogno del pacemaker per aiutare il cuore a tenere il regolare battito. I sottocutanei sono più recenti e vantaggiosi. È più agevole sostituire il generatore e ci sono meno rischi qualora si incorresse in una infezione perché il dispositivo non è collegato direttamente al cuore".

Ma la possibilità di rivederlo in campo esiste, giusto?"Per rispondere in maniera adeguata dovremmo avere un quadro clinico completo. Ci sarà una relazione molto circostanziata per dedurre cosa è successo nella fase acuta. E poi per capire la diagnosi reale e precisa. Se il tutto è stato provocato da una aritmia scatenata da un’infiammazione (miocardite, ndr) allora potrebbe essere una delle diagnosi più favorevoli per la prognosi del ragazzo, al di là del calciatore. La notizia più importante è che può fare una vita normale. Ci vorranno dei controlli e non prima di circa sei mesi sarà possibile capire se il defibrillatore potrà essere espiantato. Ma bisogna ponderare tutto con estrema cautela prima di arrivare ad una difficile idoneità sportiva".