Gabriele Gravina, presidente della Figc, intervistato da Rtl 102.5 ribadisce la propria posizione contraria alla riforma della Champions League: "Il calcio appartiene a tutti, questo giocattolo dobbiamo difenderlo con tutte le energie. Il calcio ha anche altre dimensioni, non soltanto quella economica. Se stiamo parlando di emozioni, di sentimenti, è perché oggi riscopriamo quanto siano fondamentali per lo sviluppo del calcio queste altre dimensioni, come quella sociale, il coinvolgimento di tante emotività che stiamo riscoprendo fondamentali nella vita di tutti noi. Quindi i nostri campionati vanno difesi rispetto alla grande dimensione economica, ma ci sono altri interessi che meritano sicuramente maggiore tutela. Non serve andare a muso duro, bisogna avere le idee e confrontarsi sapendo che ci sono delle situazioni che devono trovare una sintesi e conciliarsi, senza dimenticare che il calcio non è un gioco per pochi".

Sezione: News / Data: Lun 10 giugno 2019 alle 20:09 / Fonte: Calcioefinanza.it
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
vedi letture
Print