André Schürrle, campione del Mondo con la Germania nel 2014, ha annunciato a luglio il suo ritiro dall'attività agonistica a soli 30 anni. Parlando al giornalista tedesco Joko Winterscheidt, Schürrle ripercorre la sua carriera parlando anche della sua esperienza al Chelsea, segnata dal rapporto complicato con José Mourinho, definito "un uomo brutale. Ho sempre pensato tra me e me: 'Cosa fa? Perché mi tratta così? Perché fa questo alle persone?'. Ripensandoci, mi rendo conto di cosa voleva da me. Ma allora non riuscivo a fare quello che mi chiedeva a causa della sua durezza e della pressione psicologica. Spesso tornavo a casa dopo aver parlato con lui e pensavo che non potevo più giocare. Come lo avrei potuto fare? Stavo accumulando una pressione estrema. Mi capitava spesso di giocare dall'inizio e poi di essere sostituito all'intervallo. Poi, nella partita successiva, venivo messo in panchina o in tribuna. Ho perso la mia autostima".  

VIDEO - ACCADDE OGGI - 24/10/1984: FURIA RUMMENIGGE, ANNULLATO UN GOL STORICO. MA L'INTER FA TRIS AI RANGERS

Sezione: Ex nerazzurri / Data: Sab 24 ottobre 2020 alle 08:00 / Fonte: Gianlucadimarzio.com
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print