Arturo Vidal è virtualmente un giocatore dell'Inter. Per l'entourage del cileno l'operazione è da ritenersi conclusa dopo settimane di fitti contatti e dialoghi costanti. Mancano solo le firme di rito, che arriveranno presto. Molto presto. Non appena il Barcellona manterrà i patti verbali e concederà la buonuscita promessa al centrocampista (intorno ai 3 milioni). Ultimo step burocratico prima dell'addio ufficiale e conseguente volo a Milano per visite mediche e firme di rito.

Vidal e il suo agente Fernando Felicevich hanno da tempo l'accordo con l'Inter per un biennale da 6 milioni netti a stagione più bonus e opzione per un terzo anno. Il Barça ora aspetta un piccolo indennizzo da parte dei nerazzurri stile quello concesso dai nerazzurri alla Roma per Aleksandar Kolarov (1,5 milioni più bonus). Tesoretto che i catalani 'devolveranno' nelle pratiche relative alla buonuscita del centrocampista.

L'ultimo step di un affare che il clan Vidal considera chiuso al 99%. Al punto che nelle prossime 48/72 la speranza è di vederlo finalmente a Milano per visite e firme di rito. Intanto il Guerriero pensa già al numero di maglia da prendere: il classico 23 (indossato con Juventus e Bayern) è sulle spalle dell'intoccabile Nicolò Barella, l'8 sarebbe il preferito, ma piace molto anche il 22. Il primo potrebbe presto diventare libero (Matias Vecino è in partenza), mentre la 22 indossata nel primo anno juventino e in Catalogna non ha proprietario. Un po' come accaduto con l'amico e connazionale Alexis Sanchez l'anno scorso (prese la 11 in attesa della 7 ottenuta dopo la partenza di Icardi...) potrebbe prendere la 22 in attesa di vedere se la 8 tornerà disponibile prima dell'inizio ufficiale della stagione. Quisquilie.

La testa è già proiettata al campo. Antonio Conte lo aspetta e non vede l'ora di allenarlo. Di nuovo. Insieme per vincere. Ancora una volta. L'obiettivo è di averlo a disposizione e protagonista per Inter-Fiorentina e Benevento-Inter che chiuderanno il mese di settembre aprendo ufficialmente la stagione 2020/21. Quella che nella Milano nerazzurra dopo 10 anni di digiuno vogliono che diventi l'annata dello scudetto. Chi meglio di uno specialista con King Arturo per riuscirci...

Sezione: Esclusive / Data: Dom 13 settembre 2020 alle 21:03
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print