Lo scorso settembre il destino di Milan Skriniar sembrava segnato, al punto che se fosse arrivata un'offerta congrua l'Inter lo avrebbe lasciato partire per evidenti incompatibilità tattiche con la difesa a tre di Antonio Conte. Però la lunga trattativa con il Tottenham, mai arrivato a offrire i 40 milioni chiesti dai nerazzurri, ha cambiato la vita dello slovacco e il prosieguo della stagione della squadra. Da quel momento Skriniar si è infatti ripreso il posto da titolare a suon di prestazioni (e gol) convincenti, tornando a essere il difensore affidabile apprezzato sin dal suo arrivo a Milano. Non solo, già con il rinnovo senza agente e successivamente con comportamenti esemplari, l'ex Sampdoria ha dimostrato di tenere molto alla maglia nerazzurra al punto che c'è una corrente di pensiero che lo vorrebbe vedere con la fascia di capitano dopo Samir Handanovic.

Il momento finanziario del club però non è dei migliori, sono in corso trattative 'sindacali' tra la proprietà e i dipendenti, compreso ovviamente il gruppo squadra, per il rinvio di mensilità ancora da pagare e il taglio degli stipendi. Situazione in divenire, che ha portato un po' di malumore tra i calciatori, preoccupati dal fatto che il progetto sportivo culminato con lo Scudetto sia destinato a interrompersi per esigenze di bilancio. E le stesse esigenze potrebbero portare a cessioni anche dolorose. Anche per questo a Parigi tengono d'occhio la situazione. Nelle ultime ore il Paris ha infatti riattivato Marcelo Simonian in qualità di intermediario per tornare alla carica per Skriniar. La squadra di Mauricio Pochettino, semifinalista in Champions League, nella prossima stagione avrà bisogno di un difensore centrale affidabile e lo slovacco non è stato depennato dalla lista degli acquisti, dopo il tentativo last minute nello scorso settembre, fallito per i tempi troppo stretti e l'assenza di un sostituto per l'Inter (LEGGI QUI).

Se Suning si vedesse costretta a cedere uno o due titolari, il Paris sarebbe pronto a farsi avanti per il numero 37 nerazzurro, che a Milano sta benissimo e non pensa minimamente di andarsene, per questo spera di non essere costretto dalla ragion di stato. La stessa situazione di altri compagni di squadra, convinti di poter aprire un ciclo all'Inter ma pronti a guardarsi intorno se la situazione societaria dovesse degenerare e non ci fossero più le garanzie di poter portare avanti un progetto sportivo serio.

VIDEO - CONTE-LAUTARO LA RISOLVONO... SUL RING: IL VIDEO SCHERZOSO DOPO LO SCREZIO DI INTER-ROMA

Sezione: Esclusive / Data: Gio 13 maggio 2021 alle 17:18
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print