Una grande scuola, una delle più importanti, più ambite, quella sognata da bambino. Professori straordinari che raccontano la propria carriera e tu lì, ascolti, prendi appunti, impari, cerchi di captare ogni piccolo segreto perché 'un giorno anche io voglio diventare grande'. Sogni ad occhi aperti mentre ammiri queste leggende, nel tuo cuore c'è un misto di preoccupazione e motivazione per arrivare là, dove loro hanno fatto la storia, ma quando sei giovane non ti ferma nessuno e tu sai che puoi farcela. Mesdames et Messieurs, la scuola calcistica francese è sempre state una delle migliori, tra quelle più apprezzate. Anthony Martial quest'anno sui banchi di scuola sosterrà l'esame di maturità, ma con il pallone ha già passato ogni esame. Se fosse una serie di cartoni animati potrebbe chiamarsi 'A scuola da Henry, Zidane e Ribery', ma la realtà non è così distante. Le star del calcio francese sono state un grande esempio per Anthony. I maestri e l'allievo, le guide e l'alunno, la realtà e il sogno: le petit monstre sta crescendo e la Francia lo coccola.

OLYMPIQUE LYONNAIS, IL BATTESIMO - Anthony è il baby prodigio del Monaco di Claudio Ranieri che all'inizio di questo 2014 ha deciso di 'blindarlo' con un contratto con scadenza 2018. Nasce a Lione il 5 dicembre del 1995 da genitori guadalupesi e muove i primi passi con il piccolo Les Ulis, una società-garanzia: anche un certo Thierry Henry inizio a dare spettacolo in questa piccola realtà. Anthony segna goal 'a raffica' e la chiamata del Lione non può che essere una logica conseguenza. E' proprio nel capoluogo della regione Rodano-Alpi che inizia la sua carriera tra i 'pro'. Nel 2009 la società del presidente Jean-Michel Aulas decide di inserirlo nel settore giovanile e con la formazione Under-17 dimostra di essere un vero e proprio cecchino da area di rigore mettendo a segno ben 21 goal in 32 partite.

CON I BLEUS - L'esordio con la Nazionale francese sembra una logica consueguenza, infatti la chiamata non tarda ad arrivare. Con l'Under-16 il leitmotiv del goal non cambia: 9 reti in in 17 presenze, mentre il rendimento in U-17 è addirittura superiore con 9 marcature in soli 13 match. L'U-18 e l'U-19 sembrano solo tappe di passaggio perché la selezione Under-21 lo aspetta: ad oggi sono già 8 le presenze con 2 goal con la squadra di William Sagnol.

ESORDIO TRA I GRANDI - Il debutto arriva nella scorsa stagione, in quel memorabile 13 marzo 2013 quando il tecnico del Lione Rémy Garde lo inserisce al 79esimo minuto nella gara contro l'Ajaccio. Anche l'Europa lo aspetta e l'esordio in Europa League arriva addirittura prima del 'battesimo' in Ligue 1: 6 dicembre 2012 ed ecco il debutto contro l'Hapoel Shmona, entrando all'80esimo minuto.

RANIERI LO ASPETTA - Il ricchissimo Monaco decide di ripartire anche da Martial. 5 milioni di euro bastano per convincere il Lione a cedere il proprio gioiello e il 14 luglio 2013 il baby prodigio francese è ufficialmente il nuovo attaccante di mister Cladio Ranieri e lo sarà per le successive tre stagioni. L'esordio tarda ad arrivare perché solamente a ottobre l'ex allenatore nerazzurro gli concede l'opportunità di scendere in campo nel match di Coupe de la Ligue perso contro il Reims per 1-0. L'esordio in campionato arriva allo Stade de Beaujoire contro il Nantes, mentre Rennes e Guingamp saranno le vittime dei suoi primi gol con la maglia del Monaco.

L'ATTACCANTE MODERNO - Fisico statuario nonostante l'altezza non elevata. I suoi 181cm per 77kg gli permettono di partire anche da posizione più defilata in un ipotetico tridente offensivo, anche se il suo habitat naturale sembra proprio quello dell'area di rigore. Una punta centrale completa, con movenze eleganti e tecnica assoluta in grado di far salire la squadra e di colpire con freddezza l'avversario. Una grande dote che Martial ha coltivato nel tempo è la rapidità d'esecuzione, oltre alla grandissima velocità, anche palla al piede. Destro naturale, ha dalla sua anche un buonissimo stacco per colpire di testa grazie proprio alle enormi potenzialità fisiche. C'è poco da aggiungere, sembra un attaccante centrale moderno e completo, già pronto per fare la differenza, almeno in Francia.

PIACE ALLA JUVENTUS - I bianconeri non hanno mai nascosto il proprio interesse nei confronti di questo petit phénomène, ma sarà difficile andare a 'bussare' alla porta di una super potenza come il Monaco. Il club biancorosso compra, non vende e un prodigio come Martial difficilmente sarà sacrificato in futuro. Il proprietario Dmitrij Rybolovlev e Claudio Ranieri punteranno ancora su Anthony.

NOME COMPLETO: Anthony Martial
DATA DI NASCITA: 05.12.1995
ETA': 18
ALTEZZA: 181 cm
NAZIONALITA': Francia-Guadalupa
CLUB DI APPARTENENZA:  AS Monaco FC
RUOLO: Prima punta
PIEDE: Destro
VALORE DI MERCATO: 5.000.000 €
(dati: transfermarkt)

© foto di Maxppp
Le petit phénomène
Sezione: Consigli per gli acquisti / Data: Sab 19 Aprile 2014 alle 00:30
Autore: Francesco Fontana
Vedi letture
Print