Olanda, la terra dei tulipani. Immaginate un'immensa distesa di questi meravigliosi fiori proprio davanti a voi, mentre li ammirate, pensando che nemmeno una giornata intera di riflessione servirebbe a 'scegliere' l'arbusto migliore, quello più bello, con più classe da porgere, perché no, all'amore di sempre. L'Olanda del football può essere paragonata a tutto questo, un campo di calcio immenso ricchissimo di fenomeni del pallone, con un passato che è leggenda e un futuro che si preannuncia radioso. Cosa non facile emergere in mezzo a tanta qualità, tanti giovani fenomeni che rincorrono signori del calcio quali Van Basten, Bergamp, Gullit o Rijkaard, solo per citarne alcuni. L'occhio attento, proprio in mezzo a questo deserto floreale pieno di talento riuscirà a scorgere il tulipano migliore, colorato, pronto per essere colto. 'Consigli per gli acquisti' si trova proprio qui, a bordo di questo campo infinito dove ammira la crescita del baby Oranje Memphis Depay, attaccante del PSV Eindhoven.

START - Il 13 febbraio del 1994 Moordrecht, piccola località olandese del comune di Zuidplas, accoglie Memphis. Origini ghanesi, il ragazzo inizia a fare i primi passi nel mondo del pallone proprio nel suo paese, prima di approdare a Rotterdam, dove lo Sparta è pronto a inserirlo nel proprio settore giovanile. Qui trascorre tre anni d'oro che gli valgono la chiamata del più blasonato PSV Eindhoven, che non aspetta troppo prima di 'gettarlo nella mischia dei pro'.

UN PREDESTINATO - A 17 anni è già tempo di 'calcio dei grandi' e l'esordio con la prima squadra coincide con un match valevole per la Coppa d'Olanda: 21 settembre 2011, stadio del VVSB e super gara da 0-8 per gli uomini dell'ex tecnico Fred Rutten. Troppo poco esordire in una partita così semplice? Memphis allora si toglie la soddisfazione del debutto in Eredivisie contro una big del calcio olandese, il Feyenoord. Siamo nel febbraio del 2012, ma è ancora troppo poco per questa punta del destino che dopo neanche un mese segna il suo primo goal ufficiale con la maglia biancorossa nella gara di Campionato contro l’Heerenveen, terminata con il punteggio di 5-1.

2012-2013, ANNATA DA RICORDARE - Dopo le prime magie è questa la stagione della consacrazione per Depay che con 25 presenze ottiene lo 'scettro' di rivelazione dell'anno. I 3 goal e i molti assist sono un grande biglietto da visita per un giovane che, nel frattempo, ha conquistato anche le varie selezioni giovanili della Nazionale. Anche l'attuale tecnico del PSV Philippe Cocu, intanto, si 'innamora' delle qualità di questo giovane tulipano.

CRESCITA ESPONENZIALE - Nonostante sia solamente un classe '94, Memphis vanta già quasi 50 presenze nel massimo campionato olandese, impreziosite da ben 11 reti. Il risultato non può che essere la chiamata di Louis Van Gaal, commissario tecnico dela Nazionale maggiore che decide di fargli assaporare il campo con la maglia Oranje insieme ai vari Robben, Sneijder e Van Persie.

A PROPOSITO DI ROBBEN... - Un Arjen... al contrario. In molti in patria lo paragonano al fenomeno del Bayern Monaco, anche se la fascia di competenza non è la stessa. Depay ama partire da sinistra per poi accentrarsi e calciare in porta. Dribbling 'assoluto', facilità di tiro e predisposizione all'assist. Un little top player che cresce clamorosamente al Philips Stadion e che in Olanda è già super.

NOME COMPLETO: Memphis Depay
DATA DI NASCITA: 13.02.1994
ETA': 20
ALTEZZA: 176 cm
NAZIONALITA': Paesi Bassi-Ghana
CLUB DI APPARTENENZA: PSV Eindhoven
RUOLO: Esterno offensivo
PIEDE: Destro
VALORE DI MERCATO: 5.000.000 €
(dati: transfermarkt)

Le prodezze del baby Oranje
Sezione: Consigli per gli acquisti / Data: Sab 26 Aprile 2014 alle 00:30
Autore: Francesco Fontana
Vedi letture
Print