Oggi la Gazzetta dello Sport ha passato al setaccio i potenziali migliori giovani talenti in odor di esplosione in questa stagione. Tra loro, anche interisti, sia alla corte di Conte che (temporaneamente?) in altri club.

ESPOSITO - Che l’Inter con lui avesse in casa un potenziale crac si sapeva, un’estate da titolare nell’attacco di Conte ha chiarito che può dire la sua fin da subito. Ha personalità, scatto, dribbling, altruismo, presenza in area e un tiro che spacca: un piccolo Quagliarella, e non solo perché è di Castellammare come lui. Deve trovarsi un ruolo suo, irrobustirsi un filo e non avere fretta, intanto ha fatto vedere che c’è.

AGOUME - Conte, uno non facilmente impressionabile, ha detto che l’ha impressionato. E ha impressionato pure i tifosi: personalità, trame essenziali e muscoli, anche in pochi scampoli. Passa dalla B francese a salvarsi a una A da Champions, la differenza è una montagna: se la scala qualcosa gioca, l’Inter in mediana un altro con le sue caratteristiche non ce l’ha. Il futuro, se non sbarella, però è suo.

KARAMOH - «Il bambino coi razzi ai piedi», come lo chiamava Spalletti, riparte da un calcio run-and-gun come quello di D’Aversa che sa esaltare quelli come lui. Forse per attitudine uno da 20 gol all’anno non lo sarà mai, ma con la continuità giusta (che all’Inter non poteva avere e Bordeaux non ha trovato) può diventare uno spaccapartite di livello europeo. Perché se parte o sbaglia lui o non lo prendi più

PINAMONTI - Se il sistema Andreazzoli funziona e lui ci mette la sfrontatezza vista al Mondiale U20, dove ha fatto 4 gol e a tratti si caricava tutti sulle spalle, può essere uomo da doppia cifra in A fin da subito. Uno di quei lottatori silenziosi che parlano coi fatti, un gran corpo da 9 che sa sempre dove stare, difende palla e sa com’è fatto un gol. Visto com’è andato il mercato, avrebbe potuto fare comodo anche a Conte all’Inter.

Sezione: Rassegna / Data: Gio 22 Agosto 2019 alle 09:39 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print