Per una volta, Fabio Fognini si ritrova a parlare non di tennis ma della sua passione calcistica per l'InterLa Gazzetta dello Sport lo ha contattato per parlare della sfida di stasera contro il Barcellona, già qualificato agli ottavi di Champions. "E' sempre una grande squadra, speriamo che non venga con intenzioni troppo serie, sarà in ogni caso durissima - dice il tennista azzurro -. Chi può farci vincere? Naturale pensare a Lukaku e Lautaro e ai loro gol. Ma credo che un ruolo decisivo lo giocheranno i centrocampisti, dovranno almeno far partita pari col Barcellona e non sarà semplice. Sono combattuto: da una parte da amante del calcio avrei sperato di vedere in campo i migliori, Messi ad esempio. Dall’altra, da interista, è innegabile che sia un vantaggio non vederseli contro. Ma ci saranno comunque dei campioni: Suarez e Griezmann, ad esempio".

Nel lodare l'annata di Lautaro Martinez, Fognini non risparmia una frecciata all'ultimo tecnico interista. "Spalletti non lo faceva giocare... A parte questo: è stato bravo, ha atteso il suo momento, se la sta giocando alla grande, felice che lo faccia per l’Inter. Lukaku? Come ci si può sorprendere del belga? Ha già giocato in un top club, non era mica uno sconosciuto prima di arrivare a Milano. Sull’addio di Icardi hanno pesato cose interne, nei rapporti tra la società e lo stesso giocatore. Giusto rispettarle. Ma Icardi resta un campione, non a caso sta facendo bene anche a Parigi. Conte? È un allenatore top a livello europeo, lo sta dimostrando anche qui: ha cambiato la squadra, ha stravolto un insieme di cose. è un sergente di ferro".

Per lo scudetto, però, il tifoso predica calma. "Piano, piedi per terra. La Juve è ancora di un altro pianeta".

Sezione: Rassegna / Data: Mar 10 Dicembre 2019 alle 09:35
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print