Il quarto di finale di Coppa Italia tra Inter e Lazio è affidato a Rosario Abisso. Il fischietto di Palermo ha proposto una direzione di gara molto fiscale, arrivando ad un alto numero di cartellini gialli. Una linea con cui si è scontrato Simone Inzaghi, prima graziato e poi allontanato. Il rosso di Asamoah diventa giallo, ma rimane comunque qualche dubbio. Come non lascia del tutto certi la scelta del giallo per Bastos. Il rigore concesso nel finale all'Inter appare corretto: il contatto tra D'Ambrosio e Marusic avviene all'interno dell'area di rigore.

25' - Lettura corretta dell'assistente dell'arbitro, Manganelli, lucido nel vedere il fuorigioco di Immobile sul tocco sotto in avanti di Luis Alberto. L'attaccante laziale è più avanti di tutti al momento dell'invito dello spagnolo.

30' - Lazio pericolosa nell'area di rigore interista, ma che guadagna metri dopo un errore dell'arbitro. Lucas Leiva ruba palla in maniera fallosa a Politano, che viene steso dal brasiliano a centrocampo. Né Parolo né Correa sfruttano la svista di Abisso.

36' - Ancora Lucas Leiva protagonista. Il brasiliano termina a terra dopo un contatto nell'area di rigore dell'Inter con Milan Skriniar. Abisso assegna giustamente rimessa dal fondo. ll replay evidenzia infatti l'abilità del centrale sloveno, che va corpo a corpo con Leiva senza commettere alcuna irregolarità, ma sbilanciandolo e facendogli toccare il pallone per ultimo. Abisso legge correttamente la situazione.

39' - Simone Inzaghi rischia di farsi espellere. Il tecnico laziale protesta in maniera plateale dopo un fallo (evidente) di Lulic su Candreva sulla trequarti difensiva dei biancocelesti, spingendosi ben oltre la propria area tecnica. Un comportamento forte, che viene richiamato sia dal direttore di gara sia dal quarto uomo Calvarese: nessuno dei due però opta per allontanare dal campo l'allenatore.

44' - Ammonizione severa per Gagliardini. Il 5 nerazzurro perde il controllo del pallone, finendo per vederselo soffiato da Milinkovic-Savic. Il mediano interista interviene duro sul serbo, che finisce a terra. Nonostante questo, appare eccessivo il giallo che Abisso estrae nei suoi confronti. Una decisione pesante: Gagliardini, diffidato, salterà la prossima partita nella competizione.

57' - Apice di nervosismo nel match. Miranda salta alto con gli occhi sul pallone ma rifila una gomitata a Correa, che termina a terra senza fallo secondo Abisso. Il laziale si rialza e ci sono scintille tra lui, Miranda e Skriniar. Lo sloveno sembra - dai fugaci replay - colpire sul volto Correa, non per Abisso e soprattutto non per gli assistenti al Var, che non ravvedono irregolarità.

68' - Giallo discutibile estratto di Abisso. Miranda prova a sfruttare lo sbilanciamento della Lazio e parte palla al piede in contropiede. Wallace prova a fermarlo, ma dopo essere stato bruciato dallo scatto del brasiliano lo atterra in maniera plateale, agganciandosi alla vita del numero 25 nerazzurro. Un intervento folle, che avrebbe meritato un cartellino di diverso colore, quello che Spalletti e tutta la panchina interista inneggiano a gran voce. Ed in effetti, la decisione più giusta da parte di Abisso sarebbe stata quella di espellere il laziale.

73' - Altro giallo per un giocatore ospite. In questo caso appare corretta la decisione presa nei confronti di Radu, che interviene in ritardo su Candreva e lo stende con un intervento da dietro. Ammonizione ineccepibile.

81' - Giallo ingenuo rimediato da Matias Vecino. Dopo un fallo di Brozovic, Lucas Leiva prova a battere velocemente una punizione a centrocampo. L'uruguagio lo disturba, ripetutamente, portando Abisso ad ammonirlo. Decisione fiscale da parte del fischietto palermitano.

86' - Altro giallo fiscale estratto da Abisso, dopo un comportamento sopra le righe da parte di un giocatore. Il destinatario del cartellino è in questo caso Marusic, che dopo aver commesso un fallo su Candreva, allontana il pallone a gioco fermo. Ammonizione ingenua.

87' - Nel finale caldo di tempi regolamentari, arriva il giallo anche per Milinkovic-Savic. Il serbo atterra Asamoah, impegnato nel trovare spazio sulla sinistra. Fortunatamente per lui e per la Lazio il contatto è visto correttamente fuori dall'area di rigore ospite. Come è giusta l'ammonizione rimediata da SMS.

94' - All'ultimo respiro dei tempi regolamentari, Miranda interviene in maniera decisa ma pulita su Caicedo, lanciato a rete da un pallone in verticale. Il difensore brasiliano rischia molto, ma va a colpire la sfera e non la gamba del centravanti. Una decisione che - in maniera difficilmente spiegabile - fa uscire di senno Simone Inzaghi, già agitato in precedenza. Uno sfogo che viene qui punito con l'allontamento dalla panchina. Questa la decisione di Abisso, che in precedenza aveva graziato il tecnico biancoceleste. Motivo che rende ancor più valda la sua espulsione.

96' - Viene ammonito anche Lucas Leiva, colpevole di un intervento particolarmente duro nei confronti di Mauro Icardi, in movimento sulla destra,

97' - L'Inter reclama a gran voce il rigore. Su punizione dalla destra, Icardi termina a terra dopo una leggera spinta di Milinkovic-Savic nei suoi confronti. Il contatto tra i due c'è: il serbo mette le mani e rifila una leggera spinta a Maurito, che poi esagera nel lasciarsi cadere. La decisione forse più difficile di Abisso, che si affida anche agli assistenti Var: saranno loro a togliergli i dubbi, e a fargli assegnare solo il calcio d'angolo.

100' - Scintille tra Luis Alberto e Antonio Candreva. Fa tutto lo spagnolo: prima fallo evidente - e cattivo -, poi il gesto di sfida nei confronti del nerazzurro, a cui va ad urlare qualcosa faccia a faccia. L'esterno di Spalletti ha un accenno di reazione, ma si ferma. Abisso decide di non ammonire nessuno dei due protagonisti, ed è una sopresa: lo spagnolo, nervoso in questo frame, avrebbe meritato il cartellino.

116' - Var protagonista nel finale. Asamoah interviene in maniera scomposta su Milinkovic-Savic: il ghanese cerca il pallone, il serbo lo sposta all'ultimo e rimedia un colpo alla caviglia dal nerazzurro. Il fallo non è col piede a martello, ma sicuramente violento, quantomeno per la dinamica. Abisso in un primo momento non ha dubbi, ed estrae il rosso. Chiamato poi a rivedere l'episodio al Var, decide di cambiare colore al cartellino, tirando fuori un giallo. Difficile stabilire quale sia la decisione più giusta. Il contatto è violento ma sostanzialmente fortuito. Il rosso andrebbe a punire una volontarietà qui assente.

123' - Finale a dir poco rovente dal punto di vista arbitrale. Abisso sanziona con una punizione dal limite il contatto tra D'Ambrosio e Marusic. I dubbi non sono per la dinamica - spallata in piena nuca - ma per dove sia avvenuto il contatto, se dentro o fuori l'area di rigore. Abisso, dopo l'ennesimo consiglio dai suoi assistenti Var, decide di assegnare il tiro dal dischetto. Un fischio che crea le proteste tra gli uomini di Inzaghi. Radu, già ammonito, protesta in maniera troppo veemente nei confronti del direttore di gara siciliano, guadagnandosi il secondo giallo.

Sezione: Moviola / Data: Ven 1 Febbraio 2019 alle 00:19
Autore: Federico Rana / Twitter: @FedericoRana1
Vedi letture
Print