Vid Belec, portiere sloveno classe 1990, vincolato all’Inter da un contratto con scadenza nel giugno 2014, fa parte di una piccola ma importante nidiata che contraddice ciò che solitamente, e soprattutto nell’ultimo periodo, si dice del settore giovanile nerazzurro, e cioè che non produce elementi per le prime squadre.

Belec, infatti, già al secondo anno da titolare in Serie B a Crotone, faceva parte della Primavera di mister Vincenzo Esposito che, tra gli altri, vedeva in campo giocatori del calibro di Leonardo Bonucci, Mario Balotelli, Jonathan Biabiany, Rene Krhin, Francesco Bolzoni e Andrea Mei. Belec, vera e propria memoria storica dell’Inter degli ultimi anni, si racconta a FcInterNews.it nella rubrica La meglio gioventù.

Vid, riavvolgiamo il nastro dei ricordi.  

“Sono arrivato a Milano nel gennaio del 2007, non ancora maggiorenne: sin da subito, è stato tutto molto bello, escluso i primissimi tempi che sono stati duri perché ero alle prese con una nuova realtà, sia umana che sportiva e con una lingua che scoprivo giorno dopo giorno”.

Da lì a poco arrivò anche Rene Krhin.

“Rene, per me, è come un fratello: ci conosciamo da quasi dieci anni. Eravamo insieme al Maribor e, prima dell’arrivo in Italia, siamo andati anche a scuola insieme”.

Cosa ti ricordi di quei primi tempi? 

“Arrivai a Milano con i miei genitori, firmando un contratto triennale: feci 2-3 partite negli Allievi e poi andai ad allenarmi con la Primavera di mister Esposito”.

Che squadra quella Primavera!

“Dici bene. Krhin, Bonucci, Bolzoni, Tornaghi, Balotelli, Biabiany, Siligardi, Mei: ora giochiamo tutti in A o in B e nel 2007/08 vincemmo il campionato e fummo protagonisti di una gran bella cavalcata anche l’anno successivo con la vittoria nel torneo di Viareggio”. 

Mister Esposito è stato una figura importante per te.

“Mi ha fatto capire molte cose, dandomi la possibilità di crescere sia da un punto di vista umano che professionale: mi spronava ad essere sempre determinato, ad avere fame sportiva, ad imparare dagli altri e, soprattutto, apprendere presto e bene l’italiano”.

In quegli anni, all’Inter, si cominciava a vincere anche in prima squadra.

“Sì, c’era mister Mancini: non posso dire di averlo conosciuto bene, stavo in Primavera e la prima squadra la vedevo poco ma posso confermare che c’era una bella atmosfera, un bel gruppo che, da lì a poco, avrebbe vinto tutto in Italia”.

Poi, è arrivato un certo Josè Mourinho.

Mou mi ha convocato spesso in prima squadra, sia ad allenarmi che come quarto portiere”.

Qual era il quartetto di allora?

“Julio Cesar, Toldo, Orlandoni e Belec”.

Orlandoni, da anni, vive il ruolo di terzo portiere nella più assoluta professionalità.

“Ho un grande ricordo di Paolo: grande persona e ottimo professionista. Mi ha dato tanti consigli utili…”.

Chi devi ringraziare all’Inter?

“Pierluigi Casiraghi, che mi ha confermato dopo un periodo di prova e Castagnini che è salito su a Interello per valutare se ero o meno da Inter”.

Veniamo all’oggi: lo scorso anno lasci l’Inter, in prestito, per intraprendere la prima vera esperienza nel calcio professionistico.

“Dalla società mi informano che c’è la possibilità di andare a fare esperienza in serie B a Crotone e, dopo essermi confrontato con il mio agente, accettiamo”.

Come sei arrivato a quella scelta?

“In testa avevo solo un’idea: giocare e fare esperienza, perché è l’unico modo per ritagliarsi uno spazio nel calcio che conta e mettersi in evidenza”.

Parlaci di questa esperienza.

“Lo scorso anno non sono partito titolare: ma dopo poche giornate il primo portiere Emanuele Concetti si fece male ed è toccato a me andare in porta. Qui a Crotone va bene, buona esperienza, formativa, in una piazza calda come solo quelle qui al Sud possono essere”.

Ti sei trovato bene in Calabria che a giungo scorso, quando si è presentata la possibilità di rimanere un altro anno, non hai avuto remore ad accettare.

“Sì, è vero, anche se c’erano le premesse per fare il titolare”.

Chi è il tuo idolo?

“Julio Cesar, da sempre, è il mio punto di riferimento. Però, anche Samir Handanovic mi piace molto: è cresciuto tantissimo, ha fatto e sta facendo tanti progressi, sia a Udine che in Nazionale maggiore”.

Ma le convocazioni per la nazionale maggiore le stai avendo anche tu.

“Ho fatto una presenza con l’Under 21 e poi, negli ultimi mesi, sono stato nella Nazionale A”.

Il torneo di B si annuncia appassionante.

“Il Torino, in questo primo scorcio di torneo, sta dimostrando di avere qualcosa in più delle altre, ma da qui a fine stagione manca ancora tanto. Anche Pescara e Sassuolo si stanno mettendo in evidenza, denotando un buon gruppo e delle buone trame di gioco”.

Mentre il Crotone?

“Dobbiamo raggiungere quanto prima la quota salvezza”.

Quali sono i progetti per il futuro prossimo?

“Riprendermi il posto da titolare a Crotone, dopo essere stato via per un po’ con la Nazionale, e poi a giugno prossimo vedremo cosa succederà: è difficile dire oggi quello che potrà succedere. Ma una cosa è certa: il mio obiettivo è giocare”.

L’Inter ha investito molto su di te.

“Ed è una fiducia che voglio e spero di poter ricambiare quanto prima” .

Ultima considerazione: la colonia di sloveni si sta ritagliando sempre più uno spazio importante qui in Italia.

“Non siamo tanti, ma siamo tutti buoni: e questa cosa ci fa solo onore. Siamo una nazionale piccola ed avere una buona rappresentanza nella Serie A è motivo di vanto”.

 


- La riproduzione, anche parziale, dell'articolo è consentita solo previa citazione della fonte FcInterNews.it. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

(Si ringrazia, per la disponibilità e la collaborazione, l'addetto stampa dell'F.C. Crotone, Francesco Biafora). 

 

 

 

Sezione: La Meglio Gioventù / Data: Mar 29 Novembre 2011 alle 16:30 / articolo letto 6557 volte
Autore: Giuseppe Granieri