Lorenzo Colombini corre veloce sulla sua amata corsia sinistra, in un 2019/20 che lo ha lanciato nel solco della tradizione di laterali mancini sfornati negli ultimi anni dal vivaio nerazzurro. Al secondo anno in Primavera, il classe 2001 si è infatti preso un ruolo da assoluto protagonista, diventando uno dei punti fermi della formazione di mister Madonna.

Tradizione di terzini - Una storia tutta interista quella del ragazzo milanese di nascita e nerazzurro fin dagli albori. Un percorso cominciato all’età di cinque anni con l’Accademia Inter, per poi varcare finalmente i cancelli di Interello a undici anni. Una trafila nel corso della quale ha alzato al cielo, da sotto età, la Supercoppa Under 17, e che adesso lo sta vedendo rispondere presente alla chiamata del primo significativo salto di qualità della sua giovane carriera. Le 19 presenze stagionali, divise tra Primavera 1, Youth League e Coppa Italia, raccontano di un ragazzo che ha raccolto egregiamente il testimone dei vari Dimarco, Sala e Corrado, pari ruolo che si sono succeduti nel corso delle stagioni sulla corsia mancina della Primavera nerazzurra prima di spiccare il volo verso le rispettive carriere da professionisti. Il rendimento in campo internazionale di Colombini è stato particolarmente brillante: sempre presente nel girone di Youth League che ha visto l’Inter chiudere al primo posto, con la ciliegina del gol realizzato nella gara d’andata contro il Barcellona. Non è un caso che, per lui, si siano aperte le porte della nazionale Under 19, con la quale ha messo insieme tre gettoni senza tuttavia potersi giocare le proprie carte per l’Europeo di categoria, cancellato a causa del coronavirus.

Veloce come… una MotoGp - Terzino sinistro classe 2001, Colombini è dotato di un mancino educato, utilizzato per servire cross sempre molto insidiosi alle spalle della linea difensiva avversaria. Il lavoro nelle situazioni di uno contro uno e nella lettura delle diagonali lo sta rendendo efficace anche in fase prettamente difensiva, mentre le lunghe leve gli consentono progressioni degne di nota sulla fascia di competenza, facilitate dall’ottima resistenza organica gli consente di proporsi con continuità lungo tutto l’arco del match. Testa e disciplina sono invece da giocatore che già studia per il salto al piano superiore. Determinato al punto giusto, ma ancora migliorabile sul piano dell’agonismo, Colombini si è preso la fascia sinistra della Primavera interista a suon di prestazioni che lo stanno vedendo sfrecciare come uno dei bolidi della MotoGp, seguita con passione in ogni weekend di gara. La prossima estate potrebbe già essere quella buona per il salto tra i professionisti: un traguardo per il quale Lorenzo si è candidato grazie a una stagione strepitosa, che lo legittima a sognare in grande.

Scopri le schede dei talenti nerazzurri sull’Almanacco 2020 

Scopri i nerazzurri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI

Sezione: La Meglio Gioventù / Data: Mar 26 maggio 2020 alle 14:58 / Fonte: Redazione La Giovane Italia
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print