A cavallo tra Under 18 e Under 17 sta già splendendo luminosa la stellina di Ramen Cepele, difensore classe 2003 che vive un presente da punto fermo delle giovanili nerazzurre (e azzurre) e ha già prenotato un posto in prima fila in una ipotetica Inter del domani.

A scuola da Chivu – Nato a Conegliano, in provincia di Treviso, Cepele ha mosso i primi passi calcistici alla maniera di una volta: all’oratorio vicino a casa, prima di passare alla Liventina Gorghense e meritarsi le attenzioni delle big italiane. A bruciare la concorrenza è stata proprio l’Inter, che a quattordici anni lo ha vestito di nerazzurro e lo ha inserito nella rosa dell’Under 15, dando vita a un cammino nel quale il ragazzo ha spesso e volentieri anticipato i tempi della tabella di marcia. Lo ha fatto anche nel 2019/20, prima dello stop definitivo ai campionati giovanili: esordio convincente in Under 18, prima di tornare da protagonista nei ranghi dell’Under 17 allenata da Christian Chivu, che con lui in campo ha centrato sette successi compreso quello nel big match con l’Atalanta. Il rendimento da protagonista in nerazzurro gli ha permesso di imporsi anche con la maglia della Nazionale. Già presente nei gruppi dell’Under 15 e 16, Cepele si è preso il ruolo di perno difensivo dell’Under 17 del c.t. Nunziata, con la quale ha realizzato addirittura due reti nella prima fase di qualificazione al campionato Europeo di categoria.

Sempre sul pezzo – Difensore centrale mancino, il classe 2003 spicca per una tecnica individuale di primissimo livello, che lo rende a tutti gli effetti il primo regista della squadra. Ancora in fase di miglioramento i fondamentali prettamente difensivi, anche se l’impatto nel gioco aereo è già da dominatore del reparto, grazie a una struttura fisica già sviluppata in altezza e molto vicina al metro e novanta. In attesa di completarsi anche sul piano muscolare, Ramen ha accompagnato la pratica dell’attività calcistica con quella del nuoto, fondamentale per permettere al suo corpo di svilupparsi in maniera armonica e ben coordinata. Un aspetto ulteriore, quello della grande applicazione del ragazzo, che lascia spazio a pochi dubbi in merito alle sue future potenzialità: niente è lasciato al caso, in ogni singolo allenamento, e i compagni guardano a lui come un esempio per cultura del lavoro e atteggiamento sempre positivo. Un piccolo professionista, che ha tanta voglia di arrivare in alto: con l’Inter e con la maglia della Nazionale.

Scopri le schede dei talenti nerazzurri sull’Almanacco 2020 

Scopri i nerazzurri presenti nelle classifiche dei 16 Ranking LGI 

Sezione: La Meglio Gioventù / Data: Mar 05 maggio 2020 alle 16:33 / Fonte: redazione La Giovane Italia
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print