Stefano Pioli, tecnico del Milan, si presenta davanti alle telecamere di SkySport per analizzare a caldo il Derby di Milano perso sotto i colpi dell'Inter. 

Qual è il suo stato d’animo? Troppa Inter nel primo tempo?
"L’umore è quello che è, ci tenevamo per noi e per la classifica. Volevamo un risultato diverso, non esserci riusciti dispiace. È stata una settimana non positiva. Nei primi minuti non siamo stati intensi, il gol ha permesso all'Inter di fare la partita aspettando e ripartendo. Abbiamo fatto un grande secondo tempo, c’è stato il rimpianto di non aver pareggiato quando abbiamo avuto l’occasione. Non dobbiamo perdere la positività, sarà una lezione utile per il futuro".

Cosa ha detto alla squadra negli spogliatoi?
"Alla squadra ho già parlato, è responsabile anche se giovane. Se ci avessero detto di avere questa classifica mesi fa avremmo fatto i salti di gioia. Ora non bisogna farli, chi perde deve lavorare di più e lo faremo". 

C’è ancora un gap con Juventus e Inter. Il percorso è lungo?
"Per forza è lungo, siamo tra le squadre più giovani d’Europa ed il percorso è fatto di momenti positivi e delicati. In questa settimana c’è stata l’inaspettata sconfitta (col lo Spezia, ndr), non la prestazione di oggi. Ora dobbiamo voltare pagina e pensare alla partita di giovedì in Europa League. Non ho mai messo le mani avanti, ma quando parlavate degli obiettivi parlavo di sette squadre forti e arrivare in Champions sarà dura. Abbiamo le qualità per fare bene fino alla fine".

Non vi sentiti ridimensionati dopo questo 3-0?
"Dispiace molto, ma conosciamo le nostre qualità. Oggi serviva una gara eccezionale, non ci siamo riusciti. Non usciamo ridimensionati, ma lavoreremo e cercheremo di alzare il livello".

Forse dal punto di vista strategico si può cambiare qualcosa. E Ibra può rinunciare a Sanremo.
"Dal punto di vista strategico abbiamo provato qualcosa di diverso, come l’uscita sugli esterni. Si studiano sempre egli avversari per cercare di vincere, queste prestazioni vanno valutate in profondità. Per il resto siamo concentrati tutti sul campo, non toglie nulla alla serietà del gruppo".

Come ha preso la sconfitta Ibra?
"Perché Ibra? Donnarumma, Romagnoli e Pioli secondo te l’hanno presa bene? Eravamo tutti con la testa bassa. È stato un peccato non pareggiare quando stavamo dominando, questo è il rimpianto vero. Poi abbiamo concesso spazio, ma c’era bisogno di spingere di più".

Lasciando certe squadre in campo aperto trovate delle difficoltà.
"Secondo me è da sottolineare la situazione in cui abbiamo preso il secondo gol. Eravamo messi bene sotto palla ed in superiorità numerica, ma siamo stati penalizzati. Le qualità dell’Inter negli spazi sono riconosciute, abbiamo creato tanto ma oggi solo per sfortuna non siamo riusciti a pareggiare. Non per demeriti".

VIDEO - "LULA" DA URLO, ANCHE PER TRAMONTANA: DOMINIO INTER NELLA STRACITTADINA

Sezione: L'avversario / Data: Dom 21 febbraio 2021 alle 17:39
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print