Filippo Inzaghi, tecnico del Benevento, si presenta ai microfoni di Sky Sport per analizzare il primo ko in campionato della sua squadra, travolta 5-2 da un'Inter scatenata: "Non sono queste le gare dove dobbiamo portare a casa punti, la squadra ha avuto comuque coraggio e mentalità. Abbiamo fatto due gol, preso un palo, poi Lapadula ne ha sbagliato uno avanti ad Handanovic; vero che in difesa non possiamo regalare gol a questi livelli. Potevamo aspettarli nella nostra area, perdere magari 2-0, ma non è quello che vogliamo. L'Inter è una delle top d'Europa, è sotto gli occhi di tutti. Noi non abbiamo mai mollato, potevamo anche riaprirla con Lapadula segnando il 5-3".

I casi di positività nel Genoa.
"Non sono un dottore, bisogna cercare di fidarsi delle persone competenti. E' chiaro che dispiace perché le cose stavano andando bene ed è stato un fulmine a ciel sereno".

I gol presi a freddo ti preoccupano?
"Era da mettere in preventivo, veniamo dalla Serie B dove non andavamo mai in difficoltà. La squadra mi è piaciuta dal punto di vista del carattere. Teniamoci la mentalità offensiva, queste gare ci servono per crescere". 

Conte ti ha riempito di complimenti, è il più tosto da affrontare?
"Antonio è uno dei migliori, è forte e bravo e ha una grande squadra. Complimenti a loro, quando li vedi scendere dal pullman già capisci tutto".

Come la vedi la sfida Pirlo-Gattuso?
"Rino ha già dimostrato, Andrea ha fatto solo due partite e bisogna dargli tempo. Alla prima è stato lodato poi alla seconda ha ricevuto critiche: dovrà abituarsi".   

Sezione: L'avversario / Data: Mer 30 settembre 2020 alle 20:43
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print