Il sindaco di Milano Beppe Sala ha annunciato la volontà di fare dello stadio di San Siro una zona 'smoke-free'. Ma come la prenderà l'ex presidente nerazzurro Massimo Moratti? Ai microfoni de Il Giorno, Moratti si lancia in una sorta di fioretto: "Trovo sia giusto... bisogna anche avere rispetto per chi ti sta accanto. Accetto la decisione. Del resto già qualche anno fa si era parlato di un’iniziativa simile e pensi che c’era mia moglie al Comune di Milano. Si può resistere anche senza sigaretta, anche se per qualcuno non è facile. Del resto avete visto com’è andata con il divieto di fumare nei locali pubblici? Dopo tante polemiche, durate anni, adesso in molti sono d’accordo. Certo, a San Siro sarà più complicato andare fuori un attimo per fumarsi una sigaretta, però mi adeguerò. Per l’Inter sono disposto anche a fare questo sacrificio, e poi ci pensa la squadra a regalarmi altre emozioni. Adesso fumo molto di meno. Sono già sulla buona strada e pronto a rispettare il divieto se venisse applicato".

Moratti parla poi dell'Inter di oggi: "L'anno buono per lo Scudetto? Dovremmo essere piu fortunati. La squadra c’è, l’allenatore pure. Mi aspetto un girone di ritorno ricco di emozioni sognando il finale che tutti i tifosi nerazzurri sognano. Antonio Conte è davvero bravo... Sa rivalutare tutti i giocatori e nel lavoro che fa ci mette l’anima e il cuore. Oltre a grandi competenze". Il tutto senza mascherare un po' di nostalgia: "È normale che ora il destino abbia spinto il club dove ci sono possibilità economiche, io ho già dato tantissimo. E mi va bene così. Spero vincano tanto, a costo di rinunciare alle mie sigarette". 

VIDEO - COME CALCIA TAHITH CHONG: UN CAMPIONARIO DI COLPI DA CAMPIONE

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 22 gennaio 2020 alle 14:44
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print