Intervistato da Dazn, Christian Vieri ha ripercorso alcune tappe della sua carriera di calciatore. "Tutte le partite sono battaglie, ci volevano i guantoni ogni domenica. Una in particolare ora non mi viene in mente. E comunque io non usavo i guanti, usavo i gomiti... Gettare la spugna? No, perché fare il calciatore è bello. Vinci e perdi, fa parte del gioco. Ma è un mestiere che tutti vogliono fare. Il ko più doloroso? Probabilmente il 5 maggio, quando abbiamo perso lo scudetto all'ultima giornata con l'Inter. Penso sia stato il colpo più forte". 
 

Sezione: Ex nerazzurri / Data: Mer 4 Dicembre 2019 alle 18:56 / Fonte: Dazn
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print