Avrebbe dovuto diventare il nuovo manager del Milan prima della decisione della conferma di Stefano Pioli. Adesso Ralf Rangnick, intervistato dal Financial Times, commenta a distanza le vicende della società rossonera soffermandosi in particolare sul rinnovo di Zlatan Ibrahimovic. Per il quale esprime tutte le sue riserve: "Ibrahimovic? Non si tratta di me o del fatto che non mi piaccia Ibrahimovic. Perché non dovrebbe piacermi? A 38 anni è ancora in ottima forma. Può ancora essere decisivo per vincere le partite. Ma la domanda è: quale percorso vuoi percorrere? Cosa è il Milan? Per me, la firma di Ibrahimovic all'epoca era una contraddizione in sé, a causa della strategia che volevano seguire".

Sezione: Ex nerazzurri / Data: Lun 21 settembre 2020 alle 16:10
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print