Marko Arnautovic è un talento purissimo, dalla tecnica sopraffina: un attaccante moderno, dotato di un grande fisico, di piedi educati a fare tutto e dell’agilità necessaria per smarcarsi, e fare male, in area di rigore. All’Inter ha ballato solo un anno (e che anno!), salvo poi lasciare il nostro campionato per accasarsi in Germania nelle fila del Werder Brema: rimane, per tutti i tifosi nerazzurri, il ricordo di un ragazzo sempre disponibile e il rammarico di non aver goduto appieno, anche per colpa di un infortunio, delle sue qualità. Ecco le sue confidenze, i suoi ricordi, in esclusiva per FcInterNews.it

Marko, rocambolesca partita contro l’Hannover: è successo un po’ di tutto.

“Per me è stata una gara dai due volti: contento di aver segnato, ma sono dispiaciuto per l’espulsione e per la sconfitta”.

Come ti trovi in Germania?

“Sono felice qui a Brema: sono arrivato lo scorso anno, mi sono ambientato in un contesto sportivo diverso da quello a cui ero abituato e adesso, pian piano, mi sto togliendo delle piccole soddisfazioni”.

Con il Werder state disputando una gran bella stagione. 

“Siamo secondi in campionato e sono convinto che possiamo fare ancora molta strada: il torneo è lungo…”. 

I tifosi nerazzurri ti ricordano perché, nella stagione 2009-10, li hai fatti impazzire con i tuoi balletti e le tue uscite/interviste.

“Ho un grande ricordo dei tifosi nerazzurri: erano in tanti allo stadio e ci sostenevano con cori emozionanti e travolgenti: senza dubbio una delle tifoserie più calde che abbia mai conosciuto”.

Che ricordi ti porti dietro di quell’anno magico che nessun tifoso nerazzurro potrà mai dimenticare?

“Ricordi fantastici, eccezionali e forse irripetibili: abbiamo vissuto una stagione trionfale in Italia e in Europa. C’era un gruppo fantastico, fatto da grandi campioni ma soprattutto grandi uomini e questo gruppo era guidato da uno degli allenatori più forti in assoluto: Jose Mourinho”.

L’Inter, però alla fine di quella stagione non ti ha riscattato e il Twente ti ha poi venduto al Werder.

“Ero reduce da un infortunio e i primi mesi nerazzurri sono stato fermo ai box tra rieducazione e ripresa dell’attività. All’Inter, poi, ci sono tanti campioni e non è facile entrare in pianta stabile tra i titolari”.

Esperienza comunque positiva. 

“Complessivamente, sì: sono stati mesi importanti che mi hanno arricchito sotto il profilo umano e agonistico. Sono cresciuto molto in quell’anno e credo che i frutti li stia raccogliendo ora”.

Hai lasciato amici a Milano?

“Mi sento spessissimo, e soprattutto dopo le partite, con Sneijder, Stankovic, Balotelli (che a Milano non c'è più, ndr) e Samuel”.

Vuoi mandare un saluto speciale a qualcuno?

“Saluto tutti i tifosi nerazzurri e, se leggerà quest’intervista, il grande capitano, Javier Zanetti”.

Come immagini il tuo futuro? All’Italia pensi mai?

“Li da voi si gioca un grande calcio e la Serie A è uno dei tornei più competitivi in assoluto: ma io ora sono in Germania, in un club importante e devo molto al Werder. Vedremo in futuro cosa succederà…”.

 


- La riproduzione anche parziale dell'articolo è consentita solo previa citazione della fonte FcInterNews.it. I trasgressori saranno segnalati a norma di legge.

 

Sezione: Esclusive / Data: Lun 3 Ottobre 2011 alle 16:45 / articolo letto 11109 volte
Autore: Giuseppe Granieri