Prima o poi vestirà di nuovo la maglia dell’Inter. Ne sono convinti gli addetti ai lavori, che vedono in lui un talento dal sicuro avvenire. Lo spera il ragazzo, che secondo quanto appurato da FcInterNews, sogna di difendere un giorno ancora con ardore la casacca della Beneamata. Ma intanto Zinho Vanheusden prosegue il suo percorso di crescita allo Standard Liegi. E lo fa da protagonista. Philippe Montanier, il nuovo allenatore dei valloni, lo ha infatti indicato come nuovo Capitano del team. Un forte attestato di stima. Per un calciatore che nonostante abbia da poco compiuto solo 21 anni, è già un chiaro punto di riferimento nello spogliatoio del team locale. Tale presa di posizione non è una certezza sul futuro immediato del classe ’99, ma sicuramente un indizio importante sul dove Zinho possa giocare nella prossima stagione. Né il giovane di Hasselt, né tantomeno il suo entourage, sono stati infatti informati in queste settimane di un possibile ritorno anticipato a Milano.

Vanheusden – per l’iniziale gentlemen agreement tra Standard e Inter – dovrebbe infatti difendere per una ulteriore annata la casacca della compagine dove è cresciuto. Per poi, come detto, tornare in Italia nel 2021, a fronte di un esborso economico maggiorato rispetto agli 11,6 milioni di euro pagati dai valloni due estati fa. In queste settimane era circolata la voce di un incontro tra i nerazzurri e il club belga, proprio per capire eventualmente se il forte centrale potesse tornare alla base con 12 mesi di anticipo. Ma il fatto – come anticipato – che né Zinho, né chi ne cura gli interessi, sapesse nulla (e non sappia tuttora alcunché di queste voci), unita all’investitura odierna da capitano della squadra, rende quantomeno più difficile un approdo immediato nel capoluogo lombardo.

Sezione: Esclusive / Data: Gio 06 agosto 2020 alle 16:45
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print