Così com'è nata, l'ipotesi suggestiva di vedere Radja Nainggolan con la maglia della Fiorentina è tramontata velocemente. Il centrocampista belga, fuori dal progetto dell'Inter, è alla ricerca di una sistemazione e la dirigenza nerazzurra è disposta anche a spostarlo in prestito. Il vero problema però è l'ingaggio da 4,5 milioni di euro, cifra da top club o da club europeo di fascia medio-alta. L'unica proposta arrivata al Ninja in tal senso è dello Zenit San Pietroburgo (LEGGI QUI), disposto a versargli l'intero stipendio per averlo in prestito. Ma la Russia non rientra nell'area geografica circoscritta dal calciatore, così come la Turchia dove il Galatasaray si era propossto di accoglierlo, sempre a titolo temporaneo (LEGGI QUI). Il motivo non è di natura professionale, ma personale: Radja è infatti alle prese con la malattia della moglie Claudia e per questo non vuole allontanarsi troppo dall'Italia. Firenze sarebbe stata una piazza ideale in tal senso, ma Inter e Fiorentina non hanno trovato l'intesa sull'ingaggio del belga, troppo alto per i parametri dei viola (che sarebbero arrivati al massimo a 2 milioni). E in tal senso, considerando anche il valore della squadra e il ruolo di potenziale rivale per un piazzamento Champions, la dirigenza nerazzurra non è disposta a fare regali e a partecipare all'ingaggio di Nainggolan. Secondo quanto filtra dal club gigliato, la trattativa è già decaduta e le possibilità che si riapra, a queste condizioni, sono pressocché nulle.

ULTIMA CHIAMATA - E adesso? Beppe Marotta ha fretta di trovare una nuova sistemazione per Nainggolan, ma in Italia non si muove foglia che non sia la soluzione sarda. Il Cagliari sarebbe infatti ben disposto a riaccogliere il belga, esploso proprio in Sardegna, e per il classe '88 sarebbe l'optimum perché permetterebbe alla moglie di avvicinarsi a casa e stare vicino alla famiglia. Una scelta personale anche a costo di un passo indietro professionale. Ma anche in questo caso, il nodo resta lo stipendio. Vada per il prestito secco, ma il Cagliari non può andare oltre 1,5 milioni di euro a stagione da corrispondere al giocatore. Ergo, dovrà essere l'Inter a pagare la differenza per due terzi. Oggi i rossoblu sono l'unica seria candidata a ospitare Radja, non resta che aspettare che i tempi siano maturi.

VIDEO - GABIGOL E CHI LO FERMA? DOPPIETTA E FLAMENGO AI QUARTI DI LIBERTADORES AI RIGORI

Sezione: Esclusive / Data: Gio 1 Agosto 2019 alle 15:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print