Con l'arrivo ormai prossimo di Olivier Giroud (c'è solo da limare la differenza tra richiesta del Chelsea e offerta dell'Inter), è ovvio che si ridurrebbe ulteriormente lo spazio per Matteo Politano. Non si tratta di una bocciatura tecnica per l'ex Sassuolo, che ha fatto bene la scorsa stagione con in panchina Luciano Spalletti, piuttosto di una contraddizione tattica che lo rende un pesce fuor d'acqua nel 3-5-2 di Antonio Conte. Pur con il massimo impegno per adattarvisi, infatti Politano ha fatto fatica a guadagnare minuti anche come opzione dalla panchina, vedendo persino il 17enne Sebastiano Esposito superarlo nella gerarchia del reparto offensivo. Con il centravanti francese in arrivo e il graduale recupero di Alexis Sanchez, difficilmente Pollo rivedrebbe il campo in questa stagione.

Quanto basta per cercare un posto al sole altrove, e in tal senso le richieste non mancano così come non manca la disponibilità dell'Inter di cederlo, purché a titolo definitivo o in prestito con obbligo di riscatto. Attualmente il classe 1993 cresciuto nella Roma pesa a bilancio per 19 milioni di euro, per questa ragione la richiesta nerazzurra per qualsiasi pretendente non può scendere dai 20 milioni, altrimenti comporterebbe una minusvalenza. Inoltre, per qualità ed esperienza Politano merita questa valutazione. Con il diretto interessato disposto a partire e il suo club di appartenenza altrettanto convinto che sia la soluzione migliore, manca solo una squadra che sia disposta a effettuare un investimento importante a gennaio.

L'interesse della Fiorentina è noto da tempo e sarebbe la soluzione preferita dall'Inter. I viola poco tempo fa avevano messo sul piatto un prestito oneroso da 2 milioni con obbligo di riscatto per altri 20, proposta ideale per Beppe Marotta e Piero Ausilio. Non per il giocatore, che pur apprezzando l'interesse viola preferisce una soluzione più blasonata. Per questa ragione ha già detto sì al corteggiamento del Milan (sempre in pressing con l'agente Davide Lippi), che però non può andare oltre un prestito con diritto di riscatto o, al massimo, proporre uno scambio (LEGGI QUI). Ipotesi scartate a priori dall'Inter, che non valuta interessanti le contropartite proposte e in alternativa vuole monetizzare. Sul fronte Napoli c'è ancora freddezza, nonostante si fosse ipotizzato uno scambio con Fernando Llorente (da escludere con l'arrivo di Giroud). Resta in piedi la pista Roma, gradita all'ex Sassuolo (che è cresciuto nelle giovanili giallorosse ed è romano e romanista), tornata in auge dopo il grave infortunio occorso a Nicolò Zaniolo ieri sera contro la Juventus. Il club giallorosso però non ha ancora affondato il colpo perché sta valutando anche altri profili, soprattutto quello di Rodrigo De Paul dell'Udinese (che ha una valutazione decisamente più alta). Sicuramente, per caratteristiche Politano potrebbe far comodo all'allenatore Paulo Fonseca ma per il momento non c'è ancora un'offerta ufficiale.

VIDEO - HANDANOVIC, È COME UN GOL: TRAMONTANA IMPAZZISCE

Sezione: Esclusive / Data: Lun 13 gennaio 2020 alle 17:10
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print