Un'Inter più italiana, questo il diktat di Antonio Conte, che vuole maggiore tricolore all'interno del nerazzurro. Non bastano i confermatissimi Gagliardini e Politano (che farà presumibilmente la seconda punta quest'anno). Il Corriere della Sera rivela altri dettagli del piano della beneamata sul mercato: "Marotta e Conte vedono il calcio allo stesso modo. L’allenatore, nei suoi due anni da c.t. azzurro dal 2014 al 2016, puntò molto sul blocco Juve. Anche per questo lo zoccolo duro dell’Inter sarà italiano. Non è un caso se nei quattro colpi in canna nerazzurri c’è, oltre a Barella, un altro italiano: Alessandro Florenzi. L’esterno della Roma a 28 anni non può più essere considerato un giovane, di certo ha il giusto profilo, italiano e con esperienza internazionale. L’Inter vuole guardare al futuro senza tralasciare il presente: il mix giusto tra ragazzi in rampa di lancio e giocatori esperti è inevitabile. In quest’ottica va letto l’acquisto del difensore uruguaiano Diego Godin. Nella prima Juve non era poi diverso, ai più giovani facevano da guida figure mature come Buffon, Chiellini, Bonucci, Pirlo, Del Piero, Grosso e Toni. Anche loro sognavano uno scudetto che allora sembrava impossibile, un’altra analogia con la nuova Inter.

Sezione: Rassegna / Data: Dom 23 giugno 2019 alle 09:56
Autore: Andrea Morabito
vedi letture
Print