Ai microfoni di SampdoriaNews.net parla un doppio ex di Samp e Inter, Maurizio Ganz che analizza il momento dell'Inter e la gara che andrà in scena a San Siro domani sera: "Sicuramente sarà una partita difficile, la classifica però non deve ingannare, l'Inter si ritroverà. La Samp, insieme all'Udinese, sta facendo un campionato straordinario, e il merito è sicuramente per gran parte di Sinisa, che ha veramente in mano lo spogliatioio, la squadra lo segue e si vedono i risultati. Inter, Milan e Fiorentina forse sulla carta hanno rosa più completa, ma solo sulla carta. L'Udinese sta facendo bene, e da Friulano sono contento, la Samp sta facendo cose straordinarie, la Lazio. Cesena-Inter? Quando le grandi vanno a giocare in provincia, incontrano sempre difficoltà. Anche il Milan, con l'Empoli per esempio, aveva faticato. Per l'Inter conta soprattutto vincere in questo momento, e poi secondo me riuscirà a trovare la continuità necessaria. C'è da dire che ormai non solo comunque le realtà di provincia si chiudono dietro la linea della palla, ma anche le squadre più forti lo fanno. Non c'è più il 'calcio champagne' di qualche tempo fa, e questo è uno dei motivi della crisi del nostro calcio.

La Samp sicuramente andrà a fare la partita a Milano. Il terzo posto è meritato, ha avuto grande continuità, per cui credo che se la andrà a giocare. D'altra parte, che cosa ha da perdere? Se va bene, vinci a San Siro, in caso contrario, beh hai perso contro l'Inter. Sinisa lo conosco bene, è un amico, e la sua è una mentalità vincente, lui va a giocare per vincere in tutti i campi. Non andrà al Meazza per prendere un punto, poi ovvio se maturerà non sarà affatto da buttar via, ma conoscendolo proverà a portar via tutta la posta in palio. Il coro 'Segna semper lu'? Quello è un coro che mi rimarrà dentro per sempre. Ricordo la partita con l'Anderlecht, feci doppietta e portai la squadra ai quarti. A quel punto dalla Curva Nord partì quel coro, ancora adesso si sente a volte riferito a qualche altro giocatore, ma è davvero una soddisfazione che sia nato per me. Tutt'ora, quando mi fermano per la strada, spesso non mi salutano come Ganz ma come 'El segna semper lu'.

Sezione: News / Data: Mar 28 ottobre 2014 alle 16:10
Autore: Gianluca Scudieri / Twitter: @JeNjiScu
vedi letture
Print