"Non posso negare che a livello romantico per chi come me andava allo stadio da ragazzo, l’ipotesi della demolizione o semplicemente dell’abbandono di San Siro sia un grande dolore". Inizia così l'analisi di Adriano Galliani, ex amministratore delegato del Milan, riguardo al possibile abbattimento del Meazza. "Essendo lo stadio una componente essenziale per consentire ai due club milanesi di tornare ai fasti di un tempo non posso non condividere la linea che Milan e Inter si debbano dotare di un nuovo impianto - afferma nell'intervista al Corsera -. L’ammodernamento di San Siro costringerebbe i club a emigrare in un’altra città per disputare le partite. Si parla tanto dello Juventus Stadium ma i bianconeri poterono beneficiare, nell’attesa della sua costruzione, di un impianto già ristrutturato grazie all’Olimpiade invernale. La soluzione non è ripetibile a Milano. Perciò la decisione più logica è progettare uno stadio nuovo nell’area adiacente a San Siro, perfettamente servita dalla metropolitana e da un sistema viario funzionale. La demolizione è materia su cui si dovrà esprimere l’amministrazione comunale. Potrà abbatterlo, modificarlo, utilizzarlo per eventi non calcistici. Dico questo da tifoso del Milan, da cittadino milanese e da grande appassionato di calcio senza voler influenzare decisioni che competono al Comune e alle due società. Considerando che fu costruito nel 1926, i lavori per abbellirlo sarebbero enormi. E continuare a organizzare partite in un cantiere a cielo aperto comporterebbe pesanti problemi di sicurezza",

Sezione: News / Data: Gio 28 marzo 2019 alle 13:50
Autore: Mattia Todisco
vedi letture
Print