Ormai è risaputo, l’avventura dell’Inter Femminile in Serie A è iniziata sotto il segno del pareggio. Beffardo, se volete, ma le nerazzurre al minuto 93 hanno regalato il gol del pareggio alle scaligere, furbe e scaltre nell’approfittare della grave disattenzione dell’intero reparto difensivo interista. Purtroppo questi aspetti sono fondamentali nella massima serie e bisognerà acquisire quanto prima quella dose di maturità necessaria a non commettere più errori che, a questi livelli, si pagano pesantemente. Peccato, perché il Felice Chinetti di Solbiate Arno era uno spettacolo, con la tribuna gremita di tifosi urlanti e festanti, giunti perfino da Roma per supportare Gloria Marinelli e le sue compagne.

L’Inter ha mostrato grinta e carattere nel ribaltare il vantaggio iniziale veronese di Glionna - squadra esperta e con la giusta consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti quella scaligera - grazie a Debever e Merlo. Di contro l’episodio clou della gara è quello che abbiamo descritto in apertura e che ha reso un pochino più indigesto il pomeriggio della truppa di Attilio Sorbi, una distrazione generale davvero imperdonabile. Eppure il pareggio non rende giustizia alla prestazione nerazzurra, caratterizzata sì da errori in fase di costruzione ma, sicuramente, di buon livello viste le ottime palle gol create. Né va sottovalutato il fatto che dalla campagna acquisti siano arrivate ben 13 nuove giocatrici, e sarà necessario del tempo affinché si rafforzi il feeling e la coesione che si sono intravisti in molte occasioni nel corso dei novanta minuti. Probabilmente l’emozione della prima in Serie A e l’inesperienza hanno influito nella prestazione a tratti confusionaria delle ragazze che, d’altra parte, hanno mostrato di essere all’altezza della massima serie, esprimendo un buon calcio fatto di idee di gioco ben precise su cui lavorare per rimettersi in carreggiata già dalla prossima, sabato in casa dell’Empoli.

Adele Nuara

Sezione: Inter Femminile / Data: Dom 15 Settembre 2019 alle 20:53
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print