Un sì con condizioni. Per Inter e Milan è arrivato il primo esito positivo per quanto riguarda il nuovo San Siro da parte del consiglio comunale, ma ci sono molti paletti che rendono la realizzazione del progetto non facile. La condizione principale ruota proprio attorno alla rifunzionalizzazione del vecchio San Siro, che ha ottenuto una maggioranza di 27 voti e che di fatto rende "superata" l'opzione della demolizione totale dell'impianto. A margine del Consiglio, il sindaco Sala ha parlato di "progetto che va rivisto", perché così com'è è "troppo sproporzionato a vantaggio dei club". In parole povere, Inter e Milan, che già in primo luogo propendevano per la demolizione dello stadio, dovranno cambiare radicalmente il progetto per poter incassare il sì definitivo da parte del Comune. In piedi resta anche la soluzione B, vale a dire Sesto San Giovanni, nel caso un accordo comune non dovesse essere trovato. Fra le condizioni imposte da Palazzo Marino - si legge su gazzetta.it -, troviamo la minimalizzazione dell'impatto ambientale, l'incremento del verde pubblico, la riduzione delle cubature e il rafforzamento della vocazione sportiva dell'area. "Io sono contento del parere favorevole - ha continuato Sala, come riporta l'ANSA - ma quello che ne ricavo è che quello che è il progetto delle società come è oggi non è un progetto che è accettabile. Quindi è da qua che si ricomincia a lavorare a livello di giunta. Ho votato anche io e ho votato favorevolmente. Quello che penso è che i volumi che sono stati chiesti sono volumi non realistici, sono eccessiv. Adesso parte la discussione vera con le società. Credo che le società siano consapevoli del fatto che il piano che ci hanno proposto era un piano troppo a loro favore. Non si può vedere un singolo aspetto perché sono tanti, e se si arrivasse ad un accordo si arriverà lavorando su più aspetti. Dobbiamo riportare questa proposta un po' più nell'interesse del Comune".

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 28 Ottobre 2019 alle 20:14
Autore: Gianluca Losco / Twitter: @MrLosco
Vedi letture
Print