Sulle pagine del The National si legge un commento di Diego Forlan su Mourinho, recentemente trionfatore nella Capital One Cup, e di quello che il tecnico portoghese aveva lasciato a Milano poco prima che proprio el Cacha arrivasse all'Inter: "Non sono mai stato in un club in cui i giocatori parlavano così tanto di un tecnico precedente come nel caso degli interisti con Mourinho. Io sono arrivato poco dopo il suo addio (agosto 2012, ndr), ma non erano solo i giocatori ad amarlo, bensì tutti coloro che lavoravano all'interno del club. Mi fu anche detto che per lui la porta era sempre aperta in caso volesse tornare. Per molti giocatori parlare così bene di un allenatore è una sorpresa, ma tuti vogliono lavorare con Mourinho. Non vince solo i trofei, ma i giocatori sentono che lui li supporta e li protegge dalle pressioni facendosi scudo contro le critiche accentrandole tutte su di se'. Difende i giocatori pubblicati, anche se parla loro differentemente in privato. L'Inter aveva bisogno di lui, più di quanto lui necessitasse di allenare l'Inter. Ha ricevuto alcune critiche per il gioco difensivo attuato a Milano nel doppio incontro con il Barcellona, ma cosa altro poteva fare? Il Barça aveva giocatori migliori, ma alla fine Mourinho ha portato a casa il risultato. Lui vuole vincere, non ha mai la tentazione di essere ricordato come il Brasile del 1982 che era bellissimo da vedere, ma che non vinse nulla"

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 5 Marzo 2015 alle 11:33 / articolo letto 18493 volte
Autore: Gianluca Scudieri / Twitter: @JeNjiScu