Arturo Diaconale fa un passo indietro. Il direttore della comunicazione della Lazio, nei giorni scorsi, aveva fatto sollevare polemiche intorno alla possibilità di fermare in campionato, citando in causa il presidente biancoceleste Claudio Lotito. "Lotito non si farà imbrogliare, vogliono fermare il calcio per motivi politici". Queste le parole che hanno creato un certo dibattito negli ultimi tempi. 

Attraverso un post su Facebook, Diaconale ha tenuto a precisare la propria posizione, smentendo quanto dichiarato in precedenza. 

“Tengo a precisare che le opinioni da me espresse sul mio taccuino biancoceleste settimanale sono il frutto di valutazioni strettamente personali che non esprimono, ribadiscano o anticipano le posizioni della S.S. Lazio e del Presidente Claudio Lotito. Quando devo esprimere la voce della società lo faccio attraverso i suoi canali ufficiali e sulla base delle indicazioni del Presidente. Al di fuori di queste occasioni tutte le considerazioni da me espresse vanno attribuite esclusivamente alla mia persona e non agli organismi istituzionali della società biancoceleste. Attraverso il “Taccuino” conto di stabilire rapporti e sintonie con quella parte di tifoseria che ha abbandonato la strada delle vecchie contestazioni ed ha preso atto della validità del percorso e di un progetto portato avanti con la massima determinazione dal Presidente e da tutti i suoi più stretti collaboratori".

Stefano Carnevale Schianca

Sezione: Il resto della A / Data: Mer 11 marzo 2020 alle 15:06
Autore: FcInterNews Redazione
Vedi letture
Print