La conferma di Piero Ausilio è un segnale forte di Suning, che vuole dimostrare di avere le idee chiare al di là della classifica finale. Si sa che in vista della prossima stagione servirà un club più ordinato sotto l'aspetto dirigenziale e il prolungamento fino al 2020 con il ds è solo un primo passo. "Lo stesso Ausilio, dopo l’addio di Massimiliano Mirabelli, dovrà scegliersi un capo degli osservatori e, in tal senso, i candidati forti sembrano due: il primo identikit risponde a quello di Corrado Verdelli, già apprezzato 007 del club, che verrebbe promosso. Il secondo invece porta a Dario Baccin, attuale responsabile del settore giovanile del Palermo - spiega Tuttosport -. A cascata, verrà messa nuovamente mano all’organizzazione della rete di “cacciatori di talenti”, anche alla luce della volontà da parte di Suning di investire cifre importanti per prospetti dal grande avvenire (fanno giurisprudenza la trattativa per Gabriel Jesus e l’acquisto di Gabigol che nella prossima stagione sarà dato in prestito ad Atalanta, Sassuolo oppure all’estero ma sempre in Europa). Tra le figure che l’Inter vuole reinserire in organigramma c’è però soprattutto quella di un “club manager” che accompagni l’allenatore in tutte le sue decisioni.

Il candidato principale è Gabriele Oriali, ovvero un dirigente dal forte dna nerazzurro, di grande esperienza e con un curriculum scintillante. E sono sempre più diffuse le indiscrezioni circa un possibile rientro a casa pure di Andrea Butti, reduce dalle esperienze con Monaco e Wolverhampton (come dg)". Insomma, un riassetto generale per strutturare la società in ogni suo aspetto. Il ritorno di Oriali, secondo Tuttosport, non avrebbe alcun legame con un presunto arrivo di Conte sulla panchina. Mentre Zhang avrebbe chiesto qualche consiglio ad Ausilio su come rivitalizzare lo Jiangsu Suning, che si trova inaspettatamente in zona pericolo nel campionato cinese.  

Sezione: Focus / Data: Sab 22 aprile 2017 alle 08:45 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print